I locali gay di Rio de Janeiro hanno fatto il pienone per la Giornata Mondiale della Gioventù

Cominciano a scoprirsi un po’ di altarini e si viene a sapere che i locali gay di Rio de Janeiro hanno avuto moltissimi clienti durante la celebrazione della Giornata Mondiale della Gioventù.

I locali gay di Rio de Janeiro hanno fatto il tutto esaurito durante la Giornata Mondiale della Gioventù

La recente celebrazione della Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro, in Brasile, ha avuto un effetto collaterale non previsto – e senza dubbio nemmeno desiderata – dagli organizzatori: i locali gay della città sono hanno avuto un’affluenza senza precedenti. Un po’ come successe a Londra per le Olimpiadi, quando Grindr andò in tilt per i troppi collegamenti… e pensare che gli atleti gay dichiarati erano solo una ventina!

Il bar Le Boy di Copacabana (famoso per gli spogliarellisti e per avere una sauna molto apprezzata) ha registrato un 30% in più di affluenza rispetto al solito. Un dipendente del locale ha dichiarato alla stampa: “Abbiamo avuto oltre duecento clienti: un record per una serata che era piovosa”. Il riferimento è al primo giorno della Giornata Mondiale della Gioventù, il 23 luglio scorso.

La voce si è sparsa e un altro locale, il TV Bar, che è aperto dal giovedì al sabato, ha deciso di aprire anche il mercoledì e ha lanciato una festa che ha avuto un ottimo riscontro. Il Galeria Café di Ipanema ha avuto il 50% di avventori in più rispetto alla settimana precedente: una delle proprietarie ha fatto sapere che ha dovuto fare diversi ordinativi di casse di bevande e assumere del personale in più per svolgere il servizio senza troppi intoppi.

Nulla di nuovo sotto il sole, sia chiaro, come ha anche sottolineato Lula Ramires, coordinatore di un movimento LGBT locale:

Ci sono moltissimi gay nella chiesa cattolica e si deve capire che non tutti i fedeli sono di stampo conservatore…

C’è da sottolineare, comunque, che molti attivisti LGBT hanno approfittato della visita papale per manifestare contro le posizioni della chiesa cattolica nei confronti dell’omosessualità. Il 22 luglio, lo stesso giorno dell’arrivo di papa Francesco in Brasile, centinaia di attivisti si sono riuniti per scambiarsi un bacio di protesta al passaggio del pontefice (foto in apertura di post).

Via | Dos Manzanas

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: