Cambio moglie. La voglio lesbica

Londra. C’è chi, come Simona Ventura, resuscita programmi televisivi (pare che sia in profumo di Musichiere e Portobello) e chi lì fa. In questi ultimi anni, segnati anche dal reality, sono stati studiati format davvero interessanti: Reparto Maternità, Primo Figlio, SOS Tata e Cambio Moglie.

Di bambini, di chi li cresce, di come si fanno mi sembra che in questi giorni sia stato detto tutto lo scindibile, ragion per cui parliamo di “Cambio Moglie”.

Qualcuno forse (soprattutto chi è abbonato a Sky), si ricorderà dell’esperimento messo in pratica dai produttori italiani del fortunato programma. Per chiudere la terza stagione una delle due coppie eterosessuali doveva scambiare il coniuge con il partner di un gay (leggi »).

Ebbene, in Gran Bretagna dove le coppie omosessuali sono legalmente riconosciute dal 2005, per la nuova edizione di Cambio Moglie (che andrà in onda sul canale gay-friendly Channel 4) i produttori stanno cercando esplicitamente coppie omosessuali.

La nuova edizione del programma (che prevede cambi di 8 giorni e non di 14 come nelle edizioni precedenti) servirà anche a combattere gli stereotipi che ancora si vedono in tv, come ha spiegato a pinknews.co.uk Angela Arora, una delle responsabili del progetto.

“Il nuovo cambio moglie servirà – precisa Angela Arora - a raccontare una nuova unità britannica fatta anche da famiglie omosessuali”.


[sopra uno spot realizzato dalla abc per la versione statunitense di cambio moglie]

Fonte: pinknews.co.uk

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: