Libera Rugby Club, nasce la prima squadra di rugbisti gay in Italia

Libera gay club è la prima squadra di rugby gay: nasce in Italia e dall'Italia farà sentire l'eco della sua bravura

Rugbisti gayRugbisti gay a volontà nella Libera Rugby Club, e non per motivi trascendentali: stiamo parlando della prima squadra di rugby omosessuale italiana; una sorpresa, ovviamente, per tutti i fan di questo sport, ma di sicuro non troppo: sappiamo benissimo che nel mondo il rugby è sempre stato sinonimo di antisessimo e apertura nei confronti dell'orientamento omosessuale: qualcosa di profondamente diverso, insomma, rispetto all'atteggiamento che si ha nel calcio.

Sono ventitré i ragazzi che comporranno la squadra del Libera Rugby Club e si alleneranno tutti grazie all'ospitalità degli AllReds, una squadra di serie C che condivide con i nuovi colleghi proprio i valori della lotta all'omofobia e alla discriminazione di genere: belli e intelligenti, dunque (e anche alla ricerca di altri atleti: per chi vuole conoscere da vicino la rudezza e l'apertura mentale di questi fustacchioni, basta mandare una email a romanrugby2013@gmail.com).

L'idea che uno sport così bello, ma poco conosciuto in Italia, sia anche parecchio diverso dal mondo del calcio - dove pure Cristiano Ronaldo, Gerard Piqué e molti altri ancora fanno chiacchierare di sé - ci piacere parecchio: speriamo che tutta questa apertura (e non tolleranza, visto che qui nessuno deve essere tollerato) sia contagiosa per la società intera. Utopico, lo sappiamo.

  • shares
  • Mail