Sei frocio e ti tirano le pietre

Una legge che tuteli le persone lgbt dall'omofobia è sempre più necessaria, ormai che non passa giorno senza un'aggressione ai danni di persone omosessuali.

Stavolta si tratta addirittura di violenze all'interno della famiglia e la vittima è un ragazzo immigrato, di nazionalità albanese, 25enne.

Il giovane, immigrato regolarmente per fare l'operaio, aveva lasciato la famiglia a Tirana e viveva con tre zii a Pesaro; i quali, appena si sono resi conti del suo orientamento sessuale, hanno deciso di "raddrizzarlo" a suon di legnate. Per fortuna la vittima ha trovato il coraggio di rivolgersi all'Arcigay di Pesaro e poi denunciare gli zii alla polizia.

Come Hina Saleem, la ragazza uccisa dal padre a Brescia, ancora una volta i più deboli e i diversi subiscono il peggio della loro cultura d'origine. È ora che la legge ci tuteli da chi è pronto a eliminarci.

  • shares
  • Mail