La Chiesa torna su Lino Banfi. Il movimento si prepara per il 10 marzo

La Chiesa sembra concentratissima in questi giorni a snocciolare ogni tipo di invettiva contro i DiCo. E, forse a corto di argomenti, L'Osservatore Romano va a ripescare un argomento di qualche mese fa, scomodando persino Lino Banfi, reo di aver contribuito, con la sua fiction "Il padre delle spose", a rendere fertile il terreno all'avvento di questo disegno di legge. Persino la televisione, secondo la Chiesa, può fuorviare le pecorelle!

Le reazioni a questo attacco a Lino Banfi e a quello che resta uno spettacolo televisivo, seppur di qualità e trasversalmente apprezzato, sono state immediate. L'on. Franco Grillini:

"Con l'attacco a Lino Banfi risulta ormai evidente che l'ossessione antigay e omofobica della gerarchia vaticana rasenta il vero e proprio razzismo. La gerarchia romano cattolica cerca di intromettersi anche sui palinsensti tv! Mi auguro a questo punto una riscossa laica alla pretesa di clericalizzare una società che è ormai secolarizzata".

L'Arcigay intanto annuncia un'iniziativa per modificare il disegno di legge sui DiCo, ritenuto assolutamente insufficiente. Migliaia di sveglie suoneranno a Roma il prossimo 10 marzo in occasione della manifestazione nazionale organizzata dal movimento omosessuale (di cui vi parleremo nel dettaglio). Lo slogan è: Sveglia, è l'ora dei diritti.

  • shares
  • Mail