A scuola una settimana contro la violenza e l'omofobia

Ci sono anche l'Arcigay e l'Agedo (associazione dei genitori di omosessuali) tra le organizzazioni coinvolte nella Settimana contro la violenza, un'iniziativa che riguarda tutti gli istituti italiani, di ogni ordine e grado.

Le ministre Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini, titolari delle Pari opportunità e dell'Istruzione hanno presentato in una conferenza stampa alcune delle attività, che quest'anno riguarderanno in particolare l'omofobia, la discriminazione religiosa e il disprezzo verso le persone con disabilità.

Alcune scuole hanno già organizzato lezioni in cui approfondire le tematiche dell'accoglienza e della differenza; alcune sono focalizzate proprio sull'orientamento sessuale:

A Sora, vicino a Pignataro, in provincia Frosinone, dove qualche settimana fa una coppia gay è rimasta vittima di un’aggressione violenta, gli alunni dell’Istituto Magistrale Gioberti potranno ascoltare una esperta di Agedo che spiegherà loro come si riconosce e previene l’omofobia. Stesso programma all’istituto Turistico di Giulianova di Teramo, cittadina teatro di un altro episodio di bullismo omofobico, con gli esperti di Arcigay.

Le altre scuole potranno rivolgersi alle istituzioni e organizzazioni che sono state coinvolte dalle ministre e che manderanno formatori per tenere queste speciali lezioni: Carabinieri, Polizia Postale, Polizia di Stato e associazioni come ACLI, Agedo, Arcigay, ENAR, FISH, IREF, Telefono Azzurro, Telefono Rosa. Un modo intelligente e soprattutto costruttivo di contrastare e prevenire le violenze. Brave (per una volta) Carfagna e Gelmini!

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: