Per il cardinale di Santo Domingo il matrimonio omosessuale è come il narcotraffico

Il cardinal Nicolás de Jesús López RodríguezLa più alta autorità della chiesa cattolica nella Repubblica Dominicana, il cardinal Nicolás de Jesús López Rodríguez (in foto), ha paragonato il matrimonio omosessuale alla delinquenza e al narcotraffico, affermando che si tratta di sfide che la società deve affrontare. Ha anche detto che si opporrà fino alla morte al matrimonio gay.

È tutto un disordine questo continuo parlare di omosessualità, quest'attaccare la famiglia e il matrimonio e anche le posizioni sull'aborto

L'arcivescovo di Santo Domingo ha anche accusato le organizzazioni internazionali di essere “commedianti e di non servire a niente” dal momento che stanno realizzando un macabro piano per sterminare l'umanità.

“Tutto quello che si sta tramando nel mondo da istituzioni non governative attraverso incontri e sedute parlamentari, tutto questo piano perverso, macabro e insolente, voglia Dio che non giunga a compimento, dal momento che l'unico scopo è annientare, spazzare via la tradizione giudeo-cristiana. Si cerca di pervertire, di danneggiare e di corrompere tutto. Il mondo non va bene, va molto male, perché ci sono in giro idee, progetti e programmi che non vanno affatto a beneficio dell'umanità e sono paragonabili al narcotraffico e alla delinquenza e stanno permeando la società tutta.”

Parole pronunciate durante la messa del 29 settembre scorso, in occasione della festa di San Michele arcangelo, patrono dell'Esercito di Santo Domingo. Sì, 29 settembre 2010. Anche se pare pieno medioevo.

Foto | Mibahia

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: