I gay nell'esercito. Una riflessione di Bill Hicks

Bill Hicks (1961-1994) è stato un grande comico statunitense e, come ogni buon comico, non le mandava certo a dire. Grazie ad un paziente lavoro di sottotitoli oggi possiamo apprezzare le battute di Hicks in italiano.

Così, tra un video e l'altro, ne troviamo uno che parla dei gay nell'esercito. Hicks aveva le idee chiare: “Qualsiasi persona abbastanza idiota da voler entrare nell'esercito dovrebbe essere ammessa. Questo dovrebbe essere l'unico requisito”. Poi, assumendo l'atteggiamento saccente di vari militari, li imita causticamente: “Non voglio aver nessun gay tra i piedi mentre uccido bambini. Non voglio vederli”.

In fin dei conti, l'orientamento sessuale di un militare è ininfluente ai fini dello svolgimento del “servizio alla nazione”. Come è ininfluente al fine dello svolgimento di qualsiasi servizio. Ma pare quasi che noi gay siamo come Re Mida (magari!): qualunque cosa tocchiamo quella diventa gay!

  • shares
  • Mail