La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli

La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli

Il nudo. Una tappa attraverso la quale appare quasi obbligatorio passare per chiunque si occupi di fotografia. Dai fotoamatori più o meno evoluti fino ai fotoreporter, ai creativi, ai modaioli ed ai professionisti dell’immagine, tutti in qualche modo il nudo lo hanno fotografato. In maniera diversa, con il salvagente lavacoscienza del “nudo artistico” messo lì a tutelare l’artista, appunto, da meno edificanti insinuazioni da voyeur, maniaco in erba o sano cultore dei propri desideri e fantasie erotiche. Il risultato è un’infinità di fotografie per lo più banali delle quali si salvano proprio quelle poche in cui traspaiono quelle situazioni che il “nudo artistico” vuole mascherare.

Così Renato Corsini nel parlare di Tony Patrioli, fotografo italiano che vedremo prossimamente in una sua personale con oltre cinquanta ritratti in bianco e nero di nudo maschile.

Di nudi artistici abbiamo parlato più di una volta qui su Queerblog e abbiamo sempre ammirato la capacità e la sensibilità degli artisti di mostrare – vuoi con la pittura o con il disegno o con la fotografia o con la scultura o con le vetrate – il corpo maschile al contempo bello nella sua carnalità e celebrato per la sua bellezza.

La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli
La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli
La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli
La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli
La bellezza del nudo maschile di Tony Patrioli

I nudi maschili di Tony Patrioli – che si occupa di fotografia dagli anni Sessanta, prima come hobby e poi come professine –, infatti,

“ancor prima di ricondurci alle fotografie primi novecento del barone Von Gloeden, ancor prima di ricordarci i ragazzi di strada di pasoliniana memoria, hanno la forza di aprirci le porte di quel mondo gay al quale lui orgogliosamente e creativamente appartiene. Orgogliosamente perché racconta che alcuni dei suoi modelli sono anche amanti, oggetto dei suoi sentimenti e custodi dei suoi desideri. Creativamente perché la sua grande sensibilità estetica è messa al servizio di immagini che vogliono rivolgersi di preferenza ad un pubblico maschile. In verità le sue fotografie interessano tutti, il loro valore emotivo le fa uscire dai confini delle pubblicazioni gay americane, cui erano destinate e le colloca con merito nel ristretto panorama delle foto d’arte”.

70s men’s portraits
fotografie di Tony Patrioli

inaugurazione Sabato 2 Ottobre 2010 dalle ore 18,30
WavePhotoGallery - via Trieste 32,a – Brescia
dal 3 al 30 ottobre 2010

Foto | Tony Patrioli – per gentile concessione dell'Ufficio Stampa

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: