Alla faccia dei gay di sinistra: Platinette scende in politica

E se Berlusconi, con le sue gaffe, è convinto che i gay stiano tutti a sinistra, tutti coloro che invece di sinistra non sono, sono insorti.

Platinette per esempio questa mattina dai microfoni di RadioDj, durante la sua trasmissione quotidiana, ha letto una lettera (parafrasando quella indirizzata a Berlusconi dalla moglie Veronica Lario) in cui annuncia al premier che lui di sinistra non è, essendo un liberale, ma che riconsce quanto la destra sia cieca riguardo ai diritti civili (trovate il testo della lettere qui). Inoltre ha detto a Berlusconi

la prego non offenda la nostra intelligenza e non ci releghi tutti dall'altra parte.

Pertanto Platinette ha annunciato che alle prossime elezioni amministrative si candiderà. E ha concluso la sua missiva così

Sempre sua, almeno fino a maggio, con un contratto di esclusiva che mi lega a lei.

Per smentire Berlusconi ci vuole poco. E ci pensano anche i suoi "fedeli", ammesso che Platinette lo sia, essendosi dichiarata vicina ai Radicali.

Per ascoltare la gaffe di Berlusconi di ieri (di cui vi abbiamo raccontato al post precedente) andate qui.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: