Preferire la deformità dell'amore alla perfezione dell'odio. Lettera aperta al vescovo di Pesaro

monsignor Piero Coccia, vescovo di PesaroIl giorno di Ferragosto, Piero Coccia, vescovo di Pesaro, durante l'omelia della messa in duomo ha ribadito la sua idea di famiglia. In molti vi hanno letto riferimenti alla bocciatura del registro delle coppie di fatto. Tra l'altro il presule ha detto:

L’autentica visione cristiana della vita prevede, sul piano antropologico, quella che è definita dalla teologia contemporanea l’unità duale della persona, cioè una visione della stessa come insieme di anima e di corpo, di distinta identità sessuale tra l’uomo e la donna e di diversa forma sociale di individuo e di comunità [...] Possiamo vivere un amore fedele sia nell’ambito familiare sia in quello sociale, vincendo in noi e fra noi tutte quelle deformazioni dell’amore presenti nella nostra società.

Luigi Perilli, vice-presidente Arcigay Agorà - Pesaro, ha preso carta e penna e ha inviato una sentita missiva al vescovo:

Egregio Sig. Vescovo,

apprendo da fonti di stampa che nella Sua omelia di Ferragosto, festa mariana tra le più importanti per i cattolici, Ella avrebbe affermato che noi omosessuali siamo una "deformazione dell'amore".

Voglio ringraziarLa sentitamente dell'attenzione particolare che ci ha riservato e che pensiamo di non meritare, ritenendo umilmente che ben altri siano i significati della Festa del 15 Agosto.

Ma voglio ringraziarLa soprattutto come credente in quanto le Sue parole ci danno una certezza: quella di far parte di quegli "ultimi" e di quegli "esclusi" che da sempre sono i favoriti di Gesù. Questa certezza, Le assicuro, ci dà tanta forza per continuare le nostre battaglie in difesa della nostra Dignità di Esseri Umani a parte intera.

Il mio ringraziamento è ancor più grande perché se quelle sono davvero Sue parole, esse avranno avuto il merito di togliere a tutti ogni residuo dubbio quanto alla paternità morale degli atti di discriminazione sociale dei quali siamo vittime ogni giorno di più in Italia.

Il Vangelo e la Storia ci hanno insegnato che i Sommi Sacerdoti di ogni epoca, con la complicità dei Ponzio Pilato di ogni epoca, sono sempre riusciti a far liberare il Barabba di turno e a crocifiggere il Giusto di turno. Tra gli applausi del popolo istigato a dovere.

Faccio pubblica professione di continuare a preferire la vicinanza con gli "ultimi" piuttosto che con "quelli delle prime file". E di continuare a preferire la deformità dell'amore alla perfezione dell'odio tutto d'un pezzo.

Lo stesso Perilli commenta questa lettera su Progetto Gionata:

Ho deciso di prendere le distanze dalla Chiesa cattolica: probabilmente non ho sufficiente fede per credere in un cambiamento di quella struttura. [...] Al massimo si potrà sperare in qualche iniziativa isolata o al più "tollerata", ma prima o poi la Chiesa-istituzione "rompe" con tali esperienze perché al momento non è intenzionata a confrontarsi con noi (se non alle proprie condizioni, per noi mortificanti). Molt* di voi sono convint* che tutto questo cambierà, io non ho più questa fiducia. Spero per tutt* di essere in errore, naturalmente. Nessuna incompatibilità, invece, col messaggio cristiano dei Vangeli che è di amore universale incondizionato. Milito in Arcigay perché come credente ho capito che esiste una forma di peccato molto subdola che pervade molt* di noi: quello di OMISSIONE. Non si pecca solo FACENDO del male, ma anche stando zitti di fronte a chi lo perpetra. È ladro tanto chi ruba, tanto chi tiene il sacco; ed è complice tanto chi tiene il sacco quanto chi si gira dall'altra parte per non vedere.

Lo so che molti lettori di questo blog ritengono perfettamente inutile parlare di “gay” e “chiesa” perché lo ritengono una contraddizione. Credo, però, che si debba portare rispetto per chi vuole vivere la propria vita sia come gay che come credente e le parole di Luca Perilli (tanto quelle della lettera al vescovo quanto le sue affermazioni sulle “omissioni”) possono essere di aiuto per molti.

Foto | Arcidiocesi Pesaro

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: