Gli approfondimenti di Queerblog: intervista esclusiva al porno attore gay Carlo Masi

Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito

Il mondo porno gay, generalmente, è qualcosa che affascina, incuriosisce e interessa. Alzi la mano, chi tra di voi, non ha mai visto visto una pellicola hard gay. Come per gli etero, i film raccontano fantasie, situazioni paradossali e spesso irreali che però eccita il pubblico. Ce n'è per tutti i gusti (protetto e non protetto), dal bareback al cum eating, dal muscle al bear, da fetish al bisessuale.

E ognuno ha le proprie preferenze, com'è naturale che sia. Capita anche, a volte, di dirsi: “Mollerei tutto e mi mettere a fare film porno gay”. Perché si pensa di guadagnare di più, di fare comunque un lavoro "che piace". Poi però il proprio carattere, il proprio fisico o la propria razionalità impedisce il passo successivo.

Ormai, anche l'ambiente del mondo porno gay ottiene sempre maggiori riconoscimenti: ci sono registi apprezzati e simbolo di film di qualità, attori feticcio ai quali uno può essere più o meno legato. Ma iniziano a non essere sconosciuti, ad essere sdoganati. E chissà che dopo un Franco Trentalance alla Talpa non possa essere popolare anche un attore porno gay... Abbiamo contattato Carlo Masi, protagonista di numerose pellicole porno gay, fidanzato ufficialmente con Adam Champ e orgoglioso di se stesso e di quello che ha costruito ("Sfido chiunque, dopo quattro anni di convivenza come i nostri, a dire che non siamo una famiglia!"). E alla fine, l'ultima parola, opinione, spetta a voi lettori:

Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito

Ciao Carlo presentati ai pochi che non ti conoscono
Ciao a tutti, mi chiamo Carlo Masi, 34 anni, ingegnere informatico, Romano, solo e unico COLT Man Emerito.

Hai iniziato la tua carriera per caso, contattato da alcune tue foto su Internet: cosa ti ha convinto a entrare nel mondo dei film porno gay?
COLTstudio non fa solo pornografia. Sono stati i grandi risultati conseguiti nel campo dell’erotica maschile conseguiti da questa grande compagnia a convincermi di dare un chance a questa carriera.

Come descriveresti l'ambiente dei film porno?
La mia esperienza è stata unica. Sono entrato nell’industria dell’intrattenimento per adulti passando dalla porta principale e sono rimasto in vetta per tutto il tempo di conseguenza sono sempre stato trattato come una vera celebrità, tutte le persone che mi hanno circondato volevano solo gratificarmi e posso dire che ci sono riusciti appieno.

Da sempre ti batti per l'uso del preservativo e del sesso sicuro: viene spesso utilizzato o qualcuno cerca ancora di evitare l'uso del profilattico sul set?
Per quanto riguarda il jet set del porno nessuno neppure considera il bareback una possibile alternativa, anche perché il praticarlo pregiudica qualsiasi sviluppo e crescita nell’ambito di compagnie rispettate.

Lancia un messaggio ai lettori per il sesso sicuro
Il sesso è una cosa bellissima e consiglio a tutti di godere di ogni sfumatura di questa bella possibilità che la natura ci regala ma di farlo sempre ed esclusivamente ricordando che le malattie di Venere sono sempre in agguato per ricordarci quanto siamo vulnerabili. Quindi usate sempre il preservativo.

Come ha preso la tua famiglia la scelta di entrare nel settore della pornografia gay?
Mia madre mi adora e accetta con gioia e orgoglio ogni mia decisione e quella di entrare in COLT non ha fatto eccezione. Per quanto riguarda mio padre invece, ha avuto per il primo anno alcune perplessità. Anche perché per firmare con COLTstudio ho dovuto lasciare il mio primo lavoro come ingegnere. Adesso a distanza di anni si è convinto che io presi la decisione migliore.

Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito

Come hai conosciuto il tuo compagno, ora marito [ndr: status presente sul suo profilo facebook]?
Ci siamo conosciuti sul set del suo primo film con COLTstudio, siamo stati rivali, amici e amanti fin dal primo momento.

Come è nata l'idea di sposarvi?
A dire il vero non siamo legalmente sposati anche se ci piacerebbe molto. Io sono italiano e pretendo che sia il mio paese a riconoscere e legittimizzare la mia famiglia. Dopo quattro anni di convivenza sfido a chiunque a negare il fatto che io e Adam Champ siamo una famiglia.

Si diceva che volessi lasciare la COLT per diventare attore indipendente insieme al tuo compagno ma poi avete cambiato idea: c'è qualcosa che vi aveva stancato nell'ambiente degli studios?
il problema all’epoca era di solo denaro, ci convinsero a tornare sulle nostre scelte offrendoci un super contratto. Io fui il quinto porno attore al mondo a firmare un contratto di esclusiva a vita. Invece Adam Champ firmò un contratto molto ben pagato per due anni, recentemente i due anni sono scaduti e lui ha deciso di lasciare la grande famiglia di COLT per unirsi alla Raging Stallion.

Omofobia e Italia: due parole che ormai sembrano sempre più legate fra loro. Come vedi la situazione italiana?
Mi riempie di dolore vedere che il paese che amo e di cui vado fiero si macchia ancora di crimini disgustosi come questo. Penso che queste ondate di violenza sono parzialmente generate dall’asincronismo tra società e classe politica. Ovvero, mentre il mondo cambia e apre le porte alle diverse possibilità che la natura ha previsto per la sessualità di ognuno di noi alcune fazioni politiche puntano i piedi facendo nascere tensioni e attriti.

C'è possibilità di cambiamento nel futuro dell'Italia? Da cosa può dipendere la cosa?
Le cose succedono molto più velocemente di quanto non si pensi, un giorno la legge sull’unione civile raggiungerà il pieno consenso e nel giro di un decennio vedremo l’omosessualità essere accettata al 100%.

Renato Zero ha detto di amare le donne e di non aver mai amato un uomo e quindi di non dover fare nessun coming out. Cosa ne pensi?
Io sono un sorcino di nascita, amo Renato e amo la sua poesia ma sono offeso dalle sue dichiarazioni. Renato non ha bisogno di far parlare di se con dichiarazioni shock lui trascende le generazioni ed è già amato da tutti non capisco perché continui ancora a sostenere una tesi anacronistica come quella dell’ambiguità sessuale.

Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito
Carlo Masi, attore porno gay, Colt Man Emerito

Hai anche avuto un'esperienza teatrale nel 2009. Che ricordi hai?
Splendidi! È stato uno dei momenti più felici e appaganti della mia vita. Presto dovrei tornare a teatro, anzi domani chiamo per vedere se ci sono conferme.

La gente nei tuoi confronti come interagisce una volta che ti riconosce o scopre che sei attore di film porno gay?
tendo a frequentare sempre le stesse persone, sono sempre molto impegnato e preferisco coltivare relazioni che esistono da 15 anni con persone che considero la mia famiglia piuttosto che spendere i pochi momenti di tranquillità con perfetti sconosciuti. Anche se devo dire che quando ho preso il rischio insito nel conoscere una nuova persona ho sempre avuto piacevoli sorprese.

Non c'è gelosia per il lavoro che fate, tra te e Adam Champ?
Non c’è invidia ma gelosia sì, molta. Non è facile condividere l’uomo che ami con ragazzi bellissimi sia pur per lavoro.

Al di là del set e delle esigenze lavorative, siete una coppia gelosa o una coppia aperta?
Siamo gelosissimi. Non ci sogniamo neppure di fare sesso fuori che dal lavoro con altri.

Gioco della torre: scegli con chi ti piacerebbe girare un film porno: Brad Pitt o Johhny Depp? Cannavaro e De Rossi? Marco Mengoni o Valerio Scanu? Ibrahimovic o Piquè?
Sicuramente Brad Pitt, De Rossi anche se farei un trio e li prenderei tutti e due; se proprio devo Marco Mangoni, Piqué ma anche Ibrahimovic.

Si è parlato pochi giorni fa di una coppia di fratelli gemelli gay che recitano insieme in un film porno e fanno sesso senza protezione tra di loro. È già un successo di prevendite. Come giudichi questa scelta? Eccessiva o sei fra coloro che approva?
Non sta a me approvare le decisioni di altre persone, non chiedo a nessuno di approvare le mie scelte e non cedo che nessuno necessiti della mia approvazione. Però devo dire che l’idea dell’incesto non mi esalta in generale… anche se questi due ragazzi sono bellissimi trovo che facendo film porno in cui si pratica bareback si manda un messaggio negativo ai fruitori dei film stessi, ma devo ammettere che solo raramente si riconosce il profondo valore sociale dei messaggi intrinsecamente contenuti nei film porno.

Quale valore sociale hanno i messaggi intrinsecamente contenuti nei film porno?
I messaggi contenuti implicitamente nei film hard sono spesso di grande valore sociale e sono positivi. Innanzitutto i film hard trasmettono una visione positiva del sesso e della sessualità, rappresentano a pieno tutte le possibili varianti che la natura prevede per i gusti sessuali. Spesso cercano di porre rimedio ai danni che le maggiori religioni hanno causato alla sfera sessuale di molti raccontando che il sesso non è peccato e non è accompagnato dalla colpa, al contrario i film hard mostrano che si può avere un rapporto aperto, completo e appagante con il proprio corpo senza alcun senso di colpa. Il porno non ha paura di dire apertamente: “Il sesso NON è peccato”. In particolare il porno gay rappresentando tutti i modi di essere gay (orsi, leather, muscolosi, maturi, giovani, maschili, femminili, etc) sostiene che il modello da “Il Vizietto” non è l’unica alternativa come invece spesso i media cercano di affermare. Immagina l’importanza per un gay che nasce e cresce in un piccolo paese, senza possibilità di confrontarsi con persone con la sua stessa sessualità di poter vedere attraverso questi film che non è solo e che esistono molte persone come lui. Infine il porno gay si è impegnato socialmente a diffondere un comportamento sessuale responsabile nei confronti del preservativo e della prevenzione delle malattie veneree in generale.

Tre tuoi pregi e tre tuoi difetti
Pregi: onesto, genuino e intelligente. Difetti: ingenuo, egocentrico e viziato.

La prima cosa che pensi al mattino quando ti svegli
Penso ad Adam Champ e al mio cagnolino Baby Champito che dorme assieme a noi

Gay Pride: c'è chi dice che dovrebbe essere meno "circense" e più sobrio per dare l'idea di normalità agli italiani: come la vedi?
Ognuno dovrebbe rappresentarsi come meglio crede. Personalmente preferisco partecipare indossando un jeans e una camicia (anche se a giugno fa così caldo), ma trovo che ognuno debba esprimere la propria personalità. ricordiamoci che i colori della bandiera rainbow sono a rappresentare i diversi modi di essere gay.

Qualcosa che vuoi aggiungere tu e che io non ti ho chiesto?
Vorrei aggiungere che sto lavorando affinché con la nuova stagione io possa entrare nelle case di tutti gli italiani: ho in serbo molte sorprese che spero di poter realizzare da qui a breve e che per tutti coloro che volessero mantenersi in contatto con me possono iscrivevi al mio già grande FaceBook Fan Club.

Foto | Carlo Masi

  • shares
  • Mail
39 commenti Aggiorna
Ordina: