Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, issa la bandiera Queer nella giornata in ricordo di Stonewall

Marco Filippeschi, Filippeschi gay, bandiera gay

In occasione del 28 giugno, giornata simbolo per rivendicare i propri orientamenti sessuali in ricordo di Stonewall, il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, ha voluto issare sul ponte di mezzo una bandiera con i colori arcobaleno. Il gesto vuole rappresentare un forte e visivo "no" contro l'omofobia ed ogni genere di discriminazione.

Proprio lui ha voluto ricordare come Pisa sia stata nel lontano 1979 la prima città in cui è stata possibile una manifestazione gay e l'attuale primo registro delle unioni civili:

"Nella giornata mondiale dell’orgoglio omosessuale, Pisa è orgogliosa d’essere un punto di riferimento nazionale per una battaglia che ha già distinto la nostra città. Oggi, in particolare, contro l’omofobia e contro ogni discriminazione, per denunciare le violenze che abbiamo visto anche nelle ultime settimane. Perché i fatti accaduti facciano riflettere e creino risposte inclusive e solidali"

Il sindaco ha voluto sottolineare con grande orgoglio quanto Pisa voglia essere lontana e distante da qualsiasi forma di violenza a aggressioni, rifiutando la transfobia e l'omofobia. E dopo la conferenza stampa, tutti si sono recati sul Ponte di mezzo, dove Filippeschi ha voluto personalmente alzare e far sventolare la bandiera Queer:

"Diamo un forte segno simbolico issando la bandiera rainbow, l’arcobaleno, sul pennone del Ponte di Mezzo. E io, nell’occasione, ho inaugurato una nuova fascia per il sindaco, con gli stessi colori, che richiamano l’impegno di tutte le città a favore dei diritti e contro le violenze e le esclusioni. Una grande maggioranza dei cittadini pensa che le persone debbano essere fiere di ciò che sono e che la diversità sessuale debba e possa essere vissuta come un dono e non come una vergogna"

Un applauso a simili parole e azioni. Dovrebbe essere così in tutte le città, con un appuntamento per issarle contemporaneamente. Ma, purtroppo, temo che sarebbero davvero troppo poche...

Via | Comune.Pisa

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: