Malta: partecipanti ad un seminario religioso condannano il matrimonio gay

Malta: partecipanti ad un seminario religioso condannano il matrimonio gayNel Centro di Cultura Islamica di Paola, a Malta, religiosi di diversi fede religiose hanno discusso sul ruolo della famiglia nell'attuale società globalizzata. Inutile dirlo che sull'argomento matrimonio gay tutti i partecipanti sono stati d'accordo nel condannarlo.

L'imam Muhammed el Sadi ha affermato che l'omosessualità è immorale, innaturale, sterile e non salutare; monsignor Paul Cremona, arcivescovo di Malta, ha sostenuto che qualunque divergenza sulla distruzione della famiglia tradizionale produrrà impatti negativi sulla società e sull'economia e ha invitato a presidiare i mezzi di comunicazione che, secondo lui, spesso danno un'idea negativa di quello che è l'amore vero; Ammar Hreba, leader dei centri islamici, dopo aver appassionatamente parlato della tolleranza e del dialogo tra le diverse religioni e culture ha sostenuto che il matrimonio tra persone dello stesso sesso, distrugge l'identità della famiglia iniziata con Adamo ed Eva.

Alla fine dell'incontro i partecipanti hanno prodotto il loro bel documento finale riconoscendo come famiglia solo quell'istituzione naturale fondata da un uomo e una donna. Insomma, niente di nuovo sotto il sole, storiella di Adamo ed Eva inclusa.

Via | Universo Gay
Foto | Napoli Gay Press

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: