Nasce Rometown, una guida completa per i gay a Roma

Siete in vacanza a Roma e vorreste affidarvi, per una simpatica visita turistica, a qualcosa di eccitante e diverso dai soliti bus turistici? Allora vi serve un Segway Human Transporter, quello straordinario due ruote che è un po' un pattino supertecnologico. Se poi, a cena, non sapete dove andare, scartando luoghi che potrebbero mettere in imbarazzo voi e il vostro fidanzato, basta cliccare e scegliere il ristorante più adatto a voi. Questo e altri importanti servizi sono ora a disposizione delle persone omosessuali che vivono o vanno in vacanza a Roma, grazie al nuovo portale Rometown.it.

“Rometown è un brand, di proprietà del Tour Operator Sonders&Beach - spiegano i creatori di questo portale di servizi -, dedicato al Turismo Gay & Lesbian incoming per la città di Roma. Sonders&Beach è anche proprietaria del brand Quiiky, il primo Tour Operator Gay & Lesbian italiano.Sonders&Beach è membro della IGLTA (International Gay & Lesbian Travel Association), di Visit USA e di CONFINDUSTRIA ASSOTRAVEL”.

Probabilmente non è un caso che il portale sia nato prima della parata del Gay Pride di Roma, che si celebrerà il 3 luglio. Sarà anche pessimo lo spot realizzato dall'organizzazione (e un po' lo è), ma speriamo non sia quello a farvi mancare. Nella capitale, in quella occasione e per il periodo vacanziero saranno molte le persone lgbtq che arriveranno, e vorranno scoprire la gay life romana. Si sa, c'è il Gay Village e le serate del Muccassassina, ma spesso neppure i romani sanno quali altri servizi offre la città per le persone lgbtq. Rometown, diventa in un certo senso, un sito di informazioni su dove dormire, mangiare, divertirsi e fare incontri a Roma. Il fatto che siano membri della IGLTA confera anche una serietà e garanzia sui servizi offerti. C'è anche il marchio Quiiky, che per tutto l'anno organizza viaggi a misura di gay e lesbiche, per tutte le tasche.

Presto il portale offrirà altri servizi, come acquisti e prenotazioni online. E' questo di Rometown, un'altra delle buone iniziative che avvicinano la capitale ad una maggiore sintonia con i cittadini e i turisti lgbtq. Creare o offrire servizi adeguati alle persone omosessuali e transessuali che intendono visitare Roma, con serenità e maggior sicurezza, vuol dire anche aprire nuovi spazi di libertà.

Il sito è consultabile, oltre che in italiano, in inglese e spagnolo, ed è possibile scaricare la Gay City Map di Roma.

In occasione del Gay Pride di Roma, ha poi lanciato un concorso: chi partecipa contribuisce al finanziamento della manifestazione e può vincere una vacanza di una settimana a Gran Canaria. Niente male!

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: