Omosessualità, Chiesa ed ipocrisia: outing su un pastore anti gay

Omosessualità, Chiesa ed ipocrisia: outing su un pastore anti gay

Ormai siamo abituati agli strali e condanne che piovono contro il popolo Lgbt, a giorni alterni. E, capita, a volte che l'ipocrisia di certi uomini di fede vengano poi rovinosamente smascherati da chi, probabilmente, è stanco di sentirsi condannare solo per la colpa di esistere ed essere nato. E così, un reporter del Lavender magazine ha dichiarato di aver incontrato personalmente il pastore Tom Brock ad una riunione per uomini gay in difficoltà a gestire la propria castità.

Lo stesso Brock aveva fatto parlare di sé per una aperta denuncia sull'omosessualità: la sua stessa chiesa, la Hope Lutheran, si era allontanata lo scorso anno da quella evangelica, quando quest'ultima aveva attuato una politica liberale verso componenti del clero dichiaratamente gay. Il pastore si era mostrato assolutamente contrario ad accettare gay ministri e partner. Ed ora, ecco la rivelazione pubblica del giornalista che aveva conosciuto l'uomo all'incontro (senza ovviamente rivelargli la sua professione).

Per ora, Brock è in congedo dalla Hope Lutheran. Un altro pastore della Chiesa ha commentato l'articolo e la notizia come qualcosa di "esorbitante". Esatto: ed eccessiva come l'apparente ipocrisia di chi condanna una persona uguale a lui, senza accettare se stesso e gli altri.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: