Enrico Nigiotti, il cantante di Amici, dichiara: "Se fossi gay lo direi tranquillamente". E molti concorrenti lo erano.

Enrico Nigiotti, il ballerino di Amici, dichiara: "Se fossi gay lo direi tranquillamente". E molti concorrenti lo erano.

Per un Marco Mengoni che si trincera dietro ad un silenzio stampa del tutto incomprensibile, ecco Enrico Nigiotti, ballerino di Amici, programma di successo di Maria De Filippi, parlare di omosessualità con presunta serenità. Ride quando gli sottolineano quanto lui fosse uno dei ballerini cantanti preferiti da parte del pubblico gay che seguiva il talent show. E non ne è imbarazzato:

"No, figurati, mi fa solo piacere. È bello aver un consenso da parte di tutte le persone. Siamo tutti uguali, no?"

Ammette anche che molti suo compagni avventura erano omosessuali anche se non dichiarati ("Sì, è vero e io mi sono trovato benissimo con tutti.") e in merito ai coming out dei cantanti (vedi Ricky Martin) ha un'idea ben precisa:


"Uno non si deve vergognare di quello che è. Questa credo sia la cosa più importante, poi se vuole dirlo o meno sono anche fatti suoi e può andare bene. È sbagliato però il fatto di nascondersi perché ci si vergogna. Ed è pur vero che un cantante può aver paura a dirlo dal punto di visto discografico. Il problema è soprattutto nella cultura italiana, molto chiusa su tutto, anche sul tema delle droghe. Vedi quello che è successo a Morgan a Sanremo, gli hanno impedito di fare il festival e poi lo hanno chiamato in tutti gli altri programmi Rai. È un controsenso."

E se lui fosse gay...

"Lo direi senza problemi. Come non mi sono vergognato nel corso del programma a mostrare i miei sentimenti eterosessuali, non vedo perché non avrei dovuto dirlo..."

Che dite? Una risposta sincera ed onesta o un'opinione troppo semplicistica sul suo sicuro coming out se fosse stato gay, sullo stile "Se mio nonno avesse 3 palle sarebbe un flipper?"

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: