La lobby gay è molto potente. Lo sostiene Massimo Introvigne

Gira che ti rigira i “cattolici” sempre a noi gay stanno a pensare: ogni occasione è buona per tirarci in ballo e dire la loro in proposito. La scusa questa volta è il nuovo libro di Massimo Introvigne dal titolo Il simbolo ritrovato (Piemme, 194 pagine, euro 13,50). Nel libro si parla di lobby, in particolare quelle laiciste che, secondo lo studioso, sono molto potenti in seno ai partiti politici e manipolano l'informazione soprattutto a danno della chiesa cattolica. In estrema sintesi, Introvigne per lobby intende “tutti i centri di potere occulti o palesi in grado di influenzare la opinione pubblica”.

E qui la domandina del giornalista (sempre il solito del sito ultracattolico) nasce spontanea:

La lobby omosessuale?
Quella effettivamente esiste ed è anche molto potente per il senso di appartenenza e solidarietà tra di loro.

Così potenti che non siamo riusciti a far approvare una legge contro l'omofobia e non riusciamo a portare a casa uno straccio di leggina che ci assicuri un minimo di diritti.

Foto | Massimo Introvigne

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: