Il Parlamento Europeo pretende che gli stati candidati possano assicurare protezione ai gay

Il Parlamento Europeo pretende che gli stati candidati possano assicurare protezione ai gay Il Parlamento europeo ha deciso che la Croazia, la Macedonia e la Turchia debbano dimostrare di poter offrire "protezione sincera" alle persone gay, prima di poter entrare nell'Unione europea I tre Stati sono stati criticati per i record negativi verso i diritti Lgbt e gli aggiornamenti dati al Parlamento Europeo: per questo è stato ricordato a loro che le protezioni e le leggi anti discriminazioni non sono negoziabili. Per esempio, la Croazia, nel 2009, era stata criticata per il divieto del Zagreb Pride e per il fallimento dell'aumento di leggi antidiscriminatorie.

In Turchia, il codice penale del Paese sollevava preoccupazioni nel "permettere persecuzione sistematica" di gay, bisessuali e transgender, mentre alla Macedonia c'erano dubbi sulla discriminazione verso l'orientamento sessuale e identità di genere. Per questo motivo, Ulrike Lunacek, vice presidente del Parlamento Europeo per i diritti Lgbt, ha dichiarato:

"Sono felice che i nostri rapporti ed emendamenti in merito ai diritti Lgbt della Macedonia e della Croazia siano stati presi in considerazione dal Parlamento europeo. Abbiamo riaffermato le basi contro la discriminazione e preteso che vengano applicate dai paesi candidati all'ingresso"

Fonte | Lgbt-ep

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: