Paola Binetti, antigay cattolica per eccellenza, lascia il Pd

Paola Binetti, antigay cattolica per eccellenza, lascia il Pd

Paola Binetti al Pd era diventata, ultimamente, molto scomoda. Aveva osteggiato fortemente un'eventuale apertura verso il popolo Lgbt, nonché minacciato di andarsene di fronte all'eventuale candidatura di Emma Bonino a presidente della regione Lazio. E anche il nostro Mario Cirrito, durante la diretta dell'incontro Arcigay a Perugia, aveva sottolineato la presenza "ingombrante" della Binetti, all'interno del partito. Ed ecco la recente notizia: lei ha abbandonato il Pd. Bersani commenta così l'annuncio:

"So che a qualcuno potrà sembrare strano, ma lo dico sinceramente: l'allontanamento dell'onorevole Binetti è quello che mi dispiace di più. Non posso, ovviamente, condividere le sue motivazioni, in particolare a proposito della candidatura di Emma Bonino."

Ma del resto, già oggi la Binetti aveva dichiarato che il Pd è fallito e ha accusato Bersani di non essere mai stato a capo della sintesi coi cattolici. E ha concluso, con un'accusa ben precisa e mirata (la solita, del resto):

"Io volevo restarci, nel Pd. Ma vista l'insistita e menzognera tendenza a dimostrare che tra la cultura cattolica e quella radicale non ci sono differenze, restare non ha più senso"

Foto | Panorama

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: