Obama promette di porre fine al divieto per i gay dichiarati di svolgere il servizio militare per il proprio paese

Obama promette di porre fine al divieto ai gay dichiarati di svolgere il servizio militare

La scorsa notte, il Presidente americano Barack Obama ha promesso di eliminare il divieto per gay e lesbiche dichiarati di prestare servizio militare. Nel suo discorso ha detto, testualmente:

"Quest'anno, lavorerò con il Congresso e i militari per annullare finalmente la legge che impedisce ai gay americani di servire il paese che amano, esclusivamente per quello che sono. È la cosa giusta da fare"

Aveva già affrontato la questione di cancellare la legge (datata 1993) durante la campagna d'elezione nel 2008 ma successivamente era stato criticato aspramente dai gruppi gay per la lentezza con cui sembrava agire in merito a questo caso. E il Presidente ha tenuto a precisare la sua ferma intenzione di agire entro l'anno per dare una soluzione permanente a questo problema del "Don't ask, don't tell". Ma Rea Carey, direttrice esecutiva del "Task Force nazionale gay lesbo", ha espresso delusione per il discorso generale di Obama, senza alcun riferimento a "passi concreti". Inoltre insiste affinché il Presidente agisca anche ora che la legge è ancora attiva per prevenire sgradevoli discriminazioni:

"Il tempo di dichiarazioni vaghe e generiche è finito. È il momento di agire. Vogliamo sentire, dalle sue parole, esempi di mosse concrete che intende seguire!"

Fonte | Guardian

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: