Crociata dei conservatori polacchi contro la mostra d'arte omoerotica

Stanislaw Pieta, parlamentare polacco, accomuna i gay ai necrofili, ai pedofili e ai zoofili

Ad alcuni politici polacchi (ma forse anche a diversi semplici cittadini) non va proprio giù l'idea che il Museo Nazionale di Varsavia ospiterà una mostra d'arte omoerotica, la prima in Polonia. Tra questi c'è il parlamentare Stanisław Pięta (in foto), del partito al governo Diritto e Giustizia, che ci è andato giù in maniera pesante:

“[Con questa mostra] si tradisce la cultura polacca e faremo tutto il possibile per bloccarla. Perché il professor Piotrowski, direttore del Museo Nazionale, limita le opere da esporre solo all'omosessualità, discriminando, così, necrofili, pedofili e zoofili?”

Chissà, forse Pięta avrà pure riso della sua stupida battuta. Si è però offeso quando gli sono arrivati sms da parte della comunità gay polacca. Come a dire che la libertà di parola esiste solo per quelli come lui, non per tutti.

Foto | Interia

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: