Cam gay e chat: un binomio ormai sempre più indissolubile?

Cam gay e chat: un binomio ormai sempre più indissolubile?

"Hai cam?". Ammettiamolo: quante volte ci è capitato di chiedere o che ci venga chiesta direttamente a noi? Nella mia lunga esperienza di chat gay, succedeva almeno una ogni due persone con cui chattavo (e voglio essere di manica larga...). Sia che tu stia cercando la persona che fa per te, il tuo Mr Big personale, oppure che tu stia conoscendo una persona con cui fare esclusivamente del sesso, la cam è diventata uno strumento quasi indispensabile.

Senza essere ipocrita, anche io spesso la chiedevo anche perchè su msn le dimensioni delle foto non sono esattamente le più vivide e in certi casi erano quasi assurde. Mi è capitato più volte di trovare persone che avessero un'immagine, magari in strada, con una distanza da teleobiettivo e il loro corpo poteva essere scambiato tranquillamente con quello di un piccione a pranzo. Oppure mettevano la foto con 12 persone una accanto all'atra, dicendoti "Io sono il quarto da sinistra, in seconda fila, con la camicia a ricghe viole. Non blu, viola".

Poi però io per primo quando ero in cam, mi sentivo a mio agio come un gatto in un canile. Perchè quasi sicuramente la luce ti prende di lato per cui sembri Quasimodo, con metà volto oscurato. E sopratutto non sai cosa diavolo fare. Guardi in cam, verso la lucina blu e tu senti un emerito pirla. Cerchi di rompere il ghiaccio, di fare finta di nulla e continui a chattare e scrivere sul pc, mentre, con la coda dell'occhio, cerchi sempre di vedere nella tua finestra di msn, di dare il profilo migliore. Che sia anche quello 3/4 di Lory Del Santo; piuttosto digiti in obliquo, fingendo di essere perfettamente comodo e a tuo agio. E poi, la cam ha anche un altro pericolo...

Penso che anche voi abbiate notato come la percentuale delle foto siano spesso ambientate nei bagni. C'è uno spazzolino che appare sul lavandino, oppure, nelle condizioni "migliori" ti chiedi se è un messaggio subliminale vedere spuntare alle spalle un rotolo di carta igienica Scottex. In cam, solitamente, il luogo da cui uno chatta è il salotto oppure direttamente la camera da letto. Ma anche lì a volte, appaiono dettagli curiosi.

Può capitare di vedere un poster dei Tokio Hotel che, disperatamente, cercano di impallare, appoggiandoci la schiena contro il muro o piegando la testa in posizioni inumane. Oppure ogni tanto passa qualcuno si gratta le parti intime e ti senti rispondere "Scusa è il mio coinquilino che sta andando in bagno". E tutto torna. Mi ricordo per esempio di uno che aveva acceso la cam e aveva una canottiera bianca, forse rosicchiata dagli anni, e cercava di fare il tenebroso e di risultare enigmatico. Risultato: sembrava la fotocopia di Bela Lugosi.

Voi che esperienza avete con la cam? La usate o vi viene chiesta spesso? Non vedere l'ora di accenderla e vi sentite perfettamente a vostro agio o preferireste scannerizzargli ogni foto disponibile in casa pur di non vedere quella luce blu davanti alla vostra faccia?

Foto | Winstartec

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: