Scandalo e critiche in Slovenia per la proposta di legge sull'adozione gay

Scandalo e critiche in Slovenia per la proposta di legge sull'adozione gayA settembre del 2009 si era ventilata l'ipotesi di una proposta di legge per le adozioni gay in Slovenia. E a gennaio 2010 questa ipotesi è diventata realtà. Il ministro degli interni Katerine Kresal ha infatti stilato una riforma del Codice di Famiglia, che dovrebbe assicurare diritti paritari tra coppie eterosessuali ed omosessuali.

Non appena la notizia è stata resa pubblica, non sono mancate violente critiche: James Jansa del Partito Democratico ha accusato la proposta di essere contro le leggi naturali. Concorde con lui anche Zmago Jelinčič, leader del Partito Nazionale. Infine anche Radovan Žerjal, del Partito Popolare, ha bollato l'idea come "una catastrofe". Insieme a loro, ovviamente, anche le associazioni cristiane che hanno già promesso una raccolta di firme per bloccare il tutto.

E anche la popolazione sarebbe fortemente contraria: ben il 70% è totalmente contraria. Ma se la maggioranza del Parlamento dovesse essere concorde a questa proposta, l'adozione gay potrebbe diventare presto realtà concreta.

Foto | Blogmamma

  • shares
  • Mail