San Francisco: psicologa attesta notevoli somiglianze tra coppie etero e gay

San Francisco: psicologa attesta notevoli somiglianze tra coppie etero e gay

Un processo federale sulle coppie dello stesso sesso mercoledì ha messo al centro dell'attenzione le similitudini e le differenze tra coppie eterosessuali ed omosessuali, con l'opinione di uno psicologo stimato che ha parlato di "notevoli somiglianze". Letitia Peplau, esperta di relazioni di coppie, ha reso noto che gli studi hanno dimostrato che la qualità delle relazioni etero e gay, basata su intimità, amore e stabilità, era all'incirca la stessa e che fossero quasi indistinguibili.

La donna, professoressa di psicologia sociale alla Ucla è stata chiamata a testimoniare dagli avvocati della delle due coppie gay che stanno cercando di annullare la Proposizione 8 che proibisce appunto, le nozze gay in California. E, sempre secondo un sondaggio, nello stesso paese, il 61% delle lesbiche intervistate ha ammesso di vivere insieme alla propria partner, paragonato al 46% degli uomini gay e al 62% delle coppie eterosessuali. I legami omosessuali tendono ad essere di durata più breve delle coppie sposate, è vero, ma allo stesso livello delle coppie etero che convivono.

Sotto controinterrogatorio, la Peplau ha ammesso che gli uomini gay danno meno importanza alla monogamia di quanto lo facciamo sia le lesbiche che le coppie etero: tra questi ultimi, infatti, "la monogamia è correlata dalla soddisfazione delle relazione", ha sempre dichiarato la psicologa al terzo giorno di processo. Invece, per i gay non c'è alcun legame tra l'esclusività sessuale e la soddisfazione della loro relazione.

Alcuni studi hanno scoperto che le persone sposate, solitamente, hanno una salute migliore di quelle che non lo sono. Ha preso in considerazione uno studio del governo, secondo il quale gli individui sposati fumano meno e bevono decisamente meno, presentando minori problemi di salute: molto probabilmente dipende anche dal supporto e dalla condivisione che si ha con il proprio partner. Inoltre, secondo un questionario distribuito dalla Kaiser Family Foundation, ben il 74% degli omosessuali ha ammesso che si vorrebbe sposare, un giorno.

Sempre nel controinterrogatorio, Nicole J. Moss, avvocato per la campagna della Proposizione 8, ha messo in evidenza come i dati del governo, mostrassero anche che in Belgio e nei Paesi Bassi, dove i matrimoni gay sono legali, solo una piccola percentuale Lgbt abbia scelto di sposarsi. La cosa ha "colpito" molto la Peplau che è sorpresa da come in Europa non siano interessati alle nozze gay, diversamente dagli Usa, dove questo desiderio è molto sentito. Forse ciò può anche dipendere dal fatto che in quei Paesi, il matrimonio è ancora comunque una nuova realtà, possibile da pochissimo tempo.

La donna ha anche ammesso che le unioni civili hanno migliorato notevolmente le vite delle persone dello stesso sesso, ma ha anche sottolineato come non siano per nulla paragonabili o convenienti come tutti i vantaggi che un matrimonio assicurerebbe.

Più tardi, sempre quel giorno, un avvocato a favore della Proposizione 8 ha presentato George Chauncey, professore di storia a Yale, che ha dimostrato e sottolineato come nel corso degli ultimi anni, i gay e le lesbiche, siano diventati politicamente e socialmente più potenti. Ma ha anche ammesso che questa discriminazione esiste ancora e le scritte e le frasi a favore della Proposizione 8 evidenziano ancora una volta la grande influenza che gli stereotipi negativi hanno al mondo d'oggi.

Foto | Skeptic

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: