Ellen DeGeneres e Simon Cowell, giudici di American Idol, parlano di omofobia

Ellen DeGeneres e Simon Cowell, giudici di American Idol, parlando di omofobia Sul punto di fare il suo grande debutto come nuovo giudice ad American Idol, Ellen DeGeneres appare sulla copertina del nuovo numero di "Entertainment Weekly" insieme a Simon Cowell, in posa come il buono e il cattivo. Tra i vari argomenti toccati, i poli opposti hanno parlato anche di omofobia sul palco del programma. Ecco l'estratto dell'articolo, in cui, la DeGeneres, ironica come sempre, gioca a fare il coming out con il collega ("Simon, penso che questo sia un buon momento per dirtelo... Io sono gay"). E la reazione di Cowell:

"Dici sul serio? Nessuno me lo aveva detto... Lasciami dire una cosa: noi siamo il meno razzista ed omofobico programma nel mondo. Quello che noi abbiamo, grazie a Dio, è il senso dell'umorismo. Io odio profondamente il politically correct. Non andrei mai in uno show a dire che qualsiasi cosa è off limits. Se dovessimo sopportare un sacco di regole, potrei finire per oggi stesso"

E, l'intervistatore chiede ad Ellen se la riposta la soddisfi:

"Beh, non passo sotto quella regola in cui non di deve mai essere il politically correct. Se vivessimo in un mondo dove non c'è razzismo od omofobia, allora ovviamente non ci sarebbero limitazioni. Sfortunatamente, ci sono persone in questo mondo a cui non piacciono altre persone e uno di questi casi ha riguardato proprio Adam Lambert. Perciò, io sono sensibile poiché io stessa ho avuto come esperienza una sorta simile di discriminazione. Ma allo stesso tempo, le cose che Simon e Ryan fanno, non mi hanno mai offesa. Sono più offesa e ferita dalle persone che fanno scherzi o battute come per esempio citare un animale nel tagliaerba o qualcosa del genere. Perchè ci sono persone malate là fuori che direbbero "Chissà come sarebbe?"

Via | EntertainmentWeekly

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: