Il processo sui matrimoni gay in Califonia verrà mostrato su YouTube. Ma gli oppositori alle nozze temono rivendicazioni

Il processo sui matrimoni gay in Califonia verrà mostrato su YouTube. Ma gli oppositori alle nozze temono rivendicazioni

Lunedì 11 gennaio in California avverrà un processo molto importante per i diritti Lgbt. Un tribunale infatti sarà la prima corte che esaminerà se il divieto verso le nozze gay sia incostituzionale. La Corte Suprema della California ha bocciato l'argomento la scorsa estate. Il caso è esploso per due coppie gay, Kris Perry e Sandy Stier, della California del Nord, e Paul Katami e Jeff Zarrillo, che vivono invece nella costa sud della California. Gli avvocati dovranno dimostrare che vietare il matrimonio gay non è un legittimo interesse del governo e che le unioni civili non sono un adeguato surrogato. Le nozze gay furono legalizzare nel Maggio 2008, fino al novembre dello stesso anno, quando tornarono ad essere vietati a causa della Proposizione 8.

Ma ciò che ha provocato un polverone è stata la decisione del giudice Vaughn Walker di rendere pubblico il processo, postandolo su YouTube il giorno successivo alla decisione. I sostenitori della Proposizione 8 infatti hanno protestato vivamente e si sono opposti alla trasmissione del processo, temendo una rivendicazione o intimidazioni per i testimoni che potranno essere riconosciuti dagli spettatori. Ma il giudice non ha cambiato idea e ha ribadito la sua scelta, in un'intervista, in cui ha confermato le richieste fattegli e l'importanza e l'eco che questo evento giudiziario avrà per gli abitanti dello Stato. Ha inoltre sottolineato come già gli attivisti della Proposizione 8 si siano esposti pubblicamente in prima persona per ottenere il divieto delle nozze gay e ha confermato la richiesta che i volti vengano oscurati nella diffusione web.

Se il caso avrà successo nel tribunale di San Francisco, sembra che difficilmente potrà proseguire alla Corte Suprema, dove i giudici conservatori sono sempre stati a favore delle iniziative per i gay tranne, appunto, i matrimoni.

Foto | TopNews

  • shares
  • Mail