Bonino, candidata alla presidenza della Regione Lazio, vuole legalizzare le coppie di fatto. Ma la Binetti insorge: "Me ne vado!"

Bonino, candidata alla presidenza della Regione Lazio, vuole legalizzare le coppie di fatto. Ma la Binetti insorge: "Me ne vado!"

Emma Bonino non si lascia intimidire da un'eventuale mancanza d'appoggio del Pd come candidata alla presidenza della Legione Lazio e in un'intervista a Repubblica Tv delinea i punti del suo programma politico, ribadendo la sua intenzione di rendere concrete le coppie di fatto. E su questo argomento ha le idee ben chiare:

"Non dare un riconoscimento e una certezza giuridica alle coppie di fatto che vivono insieme e che sono spesso eterosessuali, oltre che omosessuali, è non voler riconoscere i diritti della persona e soprattutto un'evoluzione della società, che c'è ed è sotto i nostri occhi. A parte il fatto, anche se non ho nulla in contrario, che moltissimi dell'Udc di famiglie ne hanno tre. L'ipocrisia deve avere qualche limite."

E di fronte ad un eventuale consenso di tutto il Partito Democratico, Paola Binetti ha fatto sapere che ciò provocherà forti ripercussioni e che sarebbe una forte ragione per andarsene (aggiungerei: speriamo!). Anche se non è troppo preoccupata dall'ipotesi, dal momento che è convinta che l'immagine della Bonino non sia adatta:

"Pensiamo davvero che la componente popolare potrebbe mai far accettare al proprio elettorato la candidatura di un personaggio dal profilo senza dubbio internazionale, forte, ma in antitesi con tutta una serie di valori?"

Di tutt'altra opinione l'onorevole Paola Concia che, ai microfoni di Radio Radicale, esprime apertamente il suo assenso:

"Quella di Emma Bonino alla presidenza della regione Lazio sarebbe una bellissima candidatura"

Foto | Sissa

  • shares
  • Mail
29 commenti Aggiorna
Ordina: