Dopo il successo al cinema, Sherlock Holmes non deve essere gay nel sequel del film!

Dopo il successo al cinema, Sherlock Holmes non deve essere gay nel sequel del film!

Visto l'enorme successo ai cinema di "Sherlock Holmes", l'idea di progettare già un secondo capitolo era prevedibile. Ma quello che giunge dall'America, ha di che sorprendente. Già il nostro Robo aveva sottolineato come vi potesse essere una chiave di lettura omosessuale al film, e da chi detiene i diritti dei personaggi, il divieto è chiaro e lampante: nessuna trama gay per i due protagonisti, nel sequel del film! Quindi, una bella doccia fredda per chi già immaginava (o sognava) di vedere Robert Downey Jr e Jude Law impegnati in baci o focosi amplessi nella seconda parte del film.

In una recente intervista, lo stesso Sherlock Holmes cinematografico, aveva ammesso una tensione omoerotica tra lui e il dottor Watson, con cui si esercita nel wrestling e condivide il letto. Al David Letterman, Downey Jr si chiedeva se Holmes non potesse essere un vero macho omosessuale. Ed è a questo punto che il detentore dei diritti, Andrea Plunkett, ha minacciato di ritirare il permesso per un sequel se Holmes e Watson fossero anche solo "più gay" del primo capitolo.

Così ha dichiarato a Total Film:

"Mi auguro che la frase di Downey Jr fosse solo un esempio del suo humour nero. Sarebbe drastica come cosa, ma ritirerei il permesso per fare più capitoli se venissi a sapere che è un tema che vogliono davvero portare avanti nel futuro. Non sono contro gli omosessuali, ma contro chi non si attiene al vero spirito dei libri"

Prima della realizzazione del film, Michael Medved, critico del New York Post, aveva preannunciato il possibile flop del film proprio per questo sottile sottotitolo omoerotico della pellicola:

"Sanno che far diventare Holmes e Watson due gay porterà via circa due terzi dei possibili spettatori. Chi vuole vedere Downey Jr e Jude Law interpretare questi personaggi in quel modo? Non affascinerà le donne e i maschi etero non vorranno vedere una cosa del genere!"

Consiglio spassionato al signor Madved: non provi a giocare al superenalotto, dubito che azzeccherebbe anche un solo numero in tutta la sua vita. "Sherlock Holmes" infatti, è al secondo posto ai botteghini amercani, dietro il successo spropositato di "Avatar" di James Cameron...

Foto | Screenweek

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: