Rupert attore discriminato

rupertGli attori apertamente gay fanno poca carriera e sono sistematicamente messi da parte da Hollywood. La denuncia, l'ennesima di questo tipo, arriva da Rupert Everett, acclamato co-protagonista del "Matrimonio del mio migliore amico".

L'attore inglese, 47 anni, ha paragonato la sua carriera a quella del collega Hugh Grant: "Per essere una star del cinema - ha detto - devi avere una bella fidanzata e, per Hugh, Liza Hurley è stata di grande aiuto". Di fronte a un attore gay, invece, scatta la discriminazione degli studios.

"Gli attori etero vanno in passerella con una bella ragazza e tutto funziona. I gay invece devono darsi da fare e dedicarsi alle produzioni indipendenti. Tutto quello che fa Hugh Grant - ha concluso - potrei farlo anch'io".

Però chi spiega il successo commerciale di Ian McKellen? Essere gay dichiarato e anzi attivista dei diritti gay non gli ha impedito di recitare, da non protagonista, in film dai grandi incassi come Il Signore degli anelli e X-Men.

  • shares
  • Mail