Australia: Padre sospetta che il figlio sia gay e lo costringe a fare sesso con una prostituta

Australia: Padre sospetta che il figlio sia gay e lo costringe a fare sesso con una prostituta

Un padre sta aspettando il processo a Queensland, in Australia, per avere presumibilmente costretto il proprio figlio a fare sesso con una prostituta, poiché sospettava fosse gay. Tutto ciò si presuma sia avvenuto durante un barbecue di famiglia, nel 2007. L'uomo pare l'abbia contattata e dato appuntamento in un motel.

Ha atteso fuori, all'esterno, dopo aver detto al figlio di portargli il preservativo usato come prova che abbia fatto sesso con la prostituta. Tutto è venuto alla luce dopo una telefonata del padre al Child Protection Investigation, nella quale aveva espresso i suoi dubbi sul fatto che il figlio potesse abusare del fratellino minore: ma aveva ammesso anche di aver costretto il figlio ad andare con una prostituta per il timore che fosse gay. La cosa ha insospettito il poliziotto che ha interrogato la madre del ragazzo: anche a lei il figlio le aveva raccontato la cosa, senza però voler aggiungere altro.

Per i magistrati c'erano indizi sufficienti per accusare l'uomo di 'violenza sessuale' verso il figlio. Il processo si aprirà nel 2010.

Foto | TheSun

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: