La Camera discuterà la proposta di legge sull'omofobia il prossimo 22 luglio

Calendarizzata per il 22 luglio 2013 la discussione della Camera sulla legge contro l'omofobia e la transfobia in Italia.

La Camera discuterà la proposta di legge sull'omofobia il prossimo 22 luglio

La notizia è stata diramata ieri dalle agenzie, il prossimo 22 luglio,  appare nel calendario dell'Assemblea di Montecitorio  la discussione generale dei decreti legge sul pagamento di debiti degli enti del Servizio sanitario nazionale e sugli ecobonus, insieme alle proposte di legge sull'omofobia e sugli orari degli esercizi commerciali.

Riguardo alla legge sull'omofobia e la transfobia si legge dal sito della rete Lenford, l'avvocatura per i diritti LGBT:

Come richiesto dalla presidente della Commissione Giustizia, la settimana prossima i relatori Scalfarotto e Leone dovrebbero presentare un testo base  sul quale verranno presentati gli emendamenti.

Intanto Il Tempo del 25 giugno, in un articolo firmato riporta alcune perplessità sulla svolta "laicista" Pdl, che potrebbero insorgere riguardo le proposte di legge sulle unioni gay:

E di «maggioranze variabili» si vocifera nelle ultime settimane anche sul fronte dei diritti civili. Anche se con confini imprevedibili. A smuovere le acque sono state le prese di posizione troppo «laiciste» espresse recentemente da alcuni esponenti del Pdl come Bondi, Galan e Capezzone. Non è un caso se ieri, su Il Foglio , è comparso un appello di varie associazioni cattoliche tradizionalmente vicine al centrodestra che chiedono a Berlusconi di "fermare l’anarchia etica nel Pd"(...) Nelle prossime settimane le possibili insidie potrebbero arrivare dal disegno di legge sulle nozze gay - ancora in commissione Giustizia al Senato - e soprattutto dalle nuove norme sull’omofobia, che arriveranno in aula a Palazzo Madama già a luglio. Come si comporterà il governo? Lascerà che il Parlamento decida senza indicazioni di maggioranza? E come reagiranno i ministri «cattolici» come Quagliariello, Alfano, Lupi o Mauro?

Come riporta il sito della rete Lenford, le proposte di legge presentate intanto in Senato per il diritto al matrimonio egalitario, sono talmente differenti da necessitare di iter legislativi separati, il cosiddetto disabbinamento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: