Matrimonio gay in USA: la Corte Suprema dà il via libera alle nozze gay in California

Con 5 voti contro 4 la Corte Suprema USA ha spazzato via la Proposizione 8 reintegrando, così, le nozze gay in California.

Corte Suprema USA - nozze gay

La Corte Suprema degli USA ha stroncato la Proposizione 8 decidendo di non occuparsene. Secondo i giudici, infatti, coloro che hanno proposto la cosiddetta Proposition 8 non erano legittimati a farlo, dal momento che il tribunale distrettuale aveva già stabilito che fosse incostituzionale. Questo significa che la Proposizione 8 decade e i matrimoni tra persone dello stesso sesso potranno essere di nuovo celebrati in California.

L'avvocato David Boies che si è battuto contro la Proposizione 8 afferma:

Questo è un grande giorno per l'America. Oggi la Corte Suprema degli Stati Uniti ci porta molto più vicino alla vera uguaglianza. Rigettando la Proposizione 8 la Corte ha rifiutato l'argomento che il matrimonio egualitario danneggi in qualche modo la collettività.

Proposizione 8


Proposizione 8

Della Proposizione 8 ci siamo occupati spesso su Queerblog. Ricapitoliamo un po’ la storia.

Nel 2008, a maggio, la Corte Suprema della California stabilità che il divieto delle nozze tra persone dello stesso sesso non rispettava la Costituzione e, pertanto, legalizzò il matrimonio ugualitario per via giudiziaria. A novembre di quello stesso anno si tenne un referendum per abolire le nozze gay nello stato, referendum che andava sotto il nome di Proposition 8. I contrari al matrimonio ugualitario vinsero e pertanto le nozze gay in California vennero abolite.

Gay e lesbiche che però si erano sposati in quel lasso di tempo da maggio a novembre continuano a essere regolarmente sposati.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: