Conrad Veidt, dal primo film gay della storia a Casablanca

Interprete di pellicole entrate nella storia del cinema, l’attore tedesco per sfuggire al Nazismo ed alla sua ondata di violenza si rifugiò prima in Inghilterra, poi a Hollywood, dove partecipò a film diventati oggi leggenda.

Conrad Veidt

Nonostante il suo nome sia forse molto meno noto di altri, Conrad Veidt è uno di quegli attori che hanno fatto veramente la storia del cinema. Le sue interpretazioni in pietre miliari della cinematografia mondiale come Anders als die Andern, considerato oggi da molti il primo film omosessuale della storia e Casablanca, pellicola mito degli anni quaranta (dove l’attore tedesco interpreta proprio un ufficiale nazista) ne sono una sicura, ferma testimonianza.

Fu proprio per sfuggire al Nazismo che Conrad Veidt lasciò la patria, prima per l’Inghilterra, poi per l’America. Bisessuale e sposato con un’ebrea, l’attore (che tra l’altro aveva interpretato anche L’Uomo che ride, prima storica apparizione di quello che sarebbe in seguito diventato il celebre Joker, nemico numero uno di Batman) aveva presto compreso la minaccia Hitleriana.

Purtroppo proprio mentre la sua carriera stava spiccando il volo (era apparso anche nel blockbuster, Il ladro di Bagdad e nel noir La spia in nero), l’attore appena cinquantenne morì improvvisamente di infarto, mentre giocava a golf.

  • shares
  • Mail