Mogli, amanti, madri lesbiche. Intervista ad Antonella Montano

Mogli, amanti, madri lesbiche. Intervista ad Antonella MontanoÈ uscito in questi giorni per i tipi della Mursia il saggio di Antonella Montano dal titolo Mogli, amanti, madri lesbiche. Sentimenti, sesso, convivenza, maternità: le nuove sfide della coppia. La dottoressa Montano – antropologa e psicoteraupeta – in sette capitoli affronta il tema delle donne che amano donne, sviluppando il suo studio a partire da diverse testimonianza dirette di mogli, amanti e madri lesbiche che desiderano amare la propria partner, costruire con essa una famiglia e avere un figlio. Vengono affrontanti temi quali la sessualità lesbica, la relazione di coppia tra donne, il matrimonio omosessuale, la maternità, la fecondazione assistita, l'influenza della genitorialità lesbica sulla crescita dei figli, il punto di vista dei bambini. Molto materiale, come si può ben capire, che viene presentato sulla base dei più recenti studi scientifici senza perdere d'occhio, comunque, il lettore comune.

Abbiamo intervistato la dottoressa Antonella Montano, soffermandoci in particolare sul tema dell'omogenitorialità. Prima di lasciarvi all'intervista segnalo per gli amici di Roma che il libro sarà presentato il 5 dicembre prossimo alle ore 18,30 presso la libreria Gabi International.

Le nuove sfide della coppia: quali?
La coppia è un modo di stare insieme e, volenti o nolenti, ripetiamo il modello familiare. Questo non vale per le persone gay e lesbiche che non hanno un riferimento socio-culturale. Questa è già una prima sfida. Se poi noi consideriamo che tutte le società del mondo hanno optato per il matrimonio e che quest’istituto, al momento, non è disponibile per coppie lesbiche e gay italiane, allora il loro stare insieme necessità di altri elementi per essere stabile: questa è la vera sfida. Le coppie omosessuali si trovano dinanzi alla sfida della convivenza, del mantenimento degli impegni, della vitalità del sesso e del desiderio di maternità/paternità senza avere quel sostrato sociale e culturale delle coppie etero. E il tutto avviene all’interno di una società omofobica.

L’inglese Stephen Scott, della National Academy for Parenting Practitioners, ha affermato che le lesbiche sono migliori genitori che un uomo e una donna. Lei è d’accordo?
Una mamma lesbica ha delle caratteristiche – per esempio tempo, maggiore accettazione dei figli, disponibilità a lasciare la carriera – che
per diversi padri rappresentano ostacoli insormontabili e in questo potrebbe essere il discrimine a tutto vantaggio delle famiglie con due mamme.

Dal punto di vista dell'italiano medio è più facile accettare due lesbiche madri o due omosessuali padri?
Penso che l’italiano medio non accetti nessuno dei due!

Secondo lei verrà recepita dal legislatore questo diritto? Quanto ci vorrà?
Non credo che i passi per l’accettazione dell’omogenitorialità in Italia siano molto semplici, anche perché in Italia si è molto sensibili a quanto dice la chiesa cattolica. Prima o poi ci si arriverà, certo, ma il cammino non è affatto semplice.

Nel suo libro lei parla di donne che amano donne e che insieme hanno una progettualità. Volendo ridurre all’osso, quale è il nucleo centrale del suo studio?
Questo mio studio esce a dieci anni dal mio precedente – … e la notte non rimasero divise. L’omosessualità femminile in Italia – Dal punto di vista politico in Italia in questo decennio non è successo molto per le donne lesbiche, però dal punto di vista delle persone sono cambiate molte cose. Il nucleo del mio libro, quindi, sono le persone e le loro vite.

Concludendo una nota sulla programmazione televisiva attuale: programmi quali il Grande Fratello e simili in cui sono presenti rappresentanti del mondo lgbtq possono aiutare nell’accettazione o si rischia di cadere nel macchiettistico?
Il problema è di fondo: bisognerebbe vedere come gli autori dei singoli programmi scelgano i partecipanti. Potrebbe trattarsi di ottime occasioni per l’accettazione dell’omosessualità, ma c’è da vedere anche – e soprattutto – la regia che c’è alle spalle e valutare se una lesbica o un gay vengono chiamati in trasmissione perché sono persone come le altre o solo per fare audience. Il rischio è sempre quello di alimentare le macchiette…

Antonella Montano
Mogli, amanti, madri lesbiche.
Sentimenti, sesso, convivenza, maternità: le nuove sfide della coppia

Mursia 2009
pp. 208, euro 17,00

  • shares
  • Mail