Ian McKellen: le religioni trattano noi gay come nemici

Ian McKellen: le religioni trattano noi gay come nemici

Sir Ian McKellen continua la sua battaglia di denuncia contro le discriminazione nei confronti delle persone glbtqi. Sostenitore a oltranza del coming out, soprattutto da parte dei vip che potrebbero così aiutare tutti gli altri gay nascosti, ora Ian McKellen dice la sua anche a proposito di religione e omosessualità. Dalle colonne del Los Angeles Times dice di essere profondamente disilluso dalle associazioni di ispirazione religiosa e punta il dito contro i leader delle diverse confessioni religiose:

“Sempre di più vedo nelle religioni organizzate il mio nemico. Sono loro per prime a trattarmi come se fossi loro nemico. Non tutti i cristiani, di certo. Non tutti gli ebrei o i musulmani. Ma i leader sì. Per quale motivo dovrei rispettare il comandamento che mi impone il celibato circa i miei bisogni sessuali? Non siamo nell’Era del Bronzo. Se ho perso Dio, la colpa è delle religioni”.

Quando si dice parlare chiaro!

Foto | LATimes

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: