Tre anni di pena per l'estorsione ai danni di un gay con handicap al 100%

Tre anni di pena per l'estorsione ai danni di un gay con handicap al 100%La vicenda non è recente - risale al lontano 2004 - ma solo pochi giorni fa si è concluso il processo, a Cittadella, che ha visto l'accusato condannato a 3 anni e 4 mesi di reclusione (pena sospesa a causa dell'indulto), 400 euro di multa e 10.000 a titolo di risarcimento della parte civile (da sommare alle altre 1100 per le spese processuali).

Si è conclusa così il tentativo di estorsione da parte di Daniele Massarotto. L'uomo, che in chat assumeva un altro nome, aveva incontrato un operaio con handicap fisico riconosciuto al 100%. Tra i due era nata inizialmente una relazione che si interrompe quando entra in scena un tale Luca, amico di Daniele e nuovo partner. A quel punto scatta il ricatto da parte di Massarotto: se non paga andrà sotto casa dell'operato e griderà a tutti la sua omosessualità. L'ultimo sms ricalca la minaccia:

"Guarda che non sto scherzando. Domani mattina vengo sotto casa tua a prenderli. Vedi tu... "

Fortunatamente l'operai si rivolge ai carabinieri e i militari, in accordo on la vittima, tendono la trappola ai due. Siamo Daniele che Luca vengono fermati con l'accusa di estorsione ma il secondo si è poi costituito parte civile, mentre Massarotto ha tentato di negare l'accusa. Tentativo fallito che ha portato alla condanna dell'aguzzino.

  • shares
  • Mail