Ortensia Mancini, scandalosa duchessa bisex

Bella, intelligente ed appassionata, la celebre Ortensia Mancini fu spesso e volentieri al centro di scandali. Scandali sì, ma d'amore.

Ortensia Mancini, duchessa di Mazarino

Graziose e spregiudicate. le nipoti di Mazarino, potente primo ministro francese di origini italiane, invasero le corti d’Europa. Re e pari del regno caddero ai loro piedi, immense ricchezze furono accumulate e sperperate, mentre lo scandalo le seguiva, come un’ombra romantica e scarlatta, sempre da vicino. Se Maria Mancini appena giunta in Francia fece capitolare il giovanissimo re Sole, Ortensia si accaparrò invece, uno degli uomini più ricchi del regno, Armand Charles de La Porte de La Meilleraye.

Poco importa se il matrimonio si rivelò poi disastroso; la giovane nipote del cardinale, si consolò presto tra le braccia dell’amica Sidonie de Courcelles. Mandate in convento per espiare i loro peccati, le due briosissime fanciulle resero pan per focaccia, tramutando la pacifica vita delle suore in un vero ed assoluto inferno. Stanca tuttavia della sua vita accanto all’intransigente e noiosissimo marito, Ortensia Mancini (1646-1699) decise di fuggire ed aiutata dal fratello si trasferì nella verdissima Savoia, dove diede vita ad un esclusivo salotto letterario, seducendo nientemeno che Carlo Emanuele II. Sotto la sua alta protezione, la Mancini conquistò senza fatica il gran mondo, ma ahimè non la moglie del duca che, alla morte del marito, la bandì impietosamente da tutta la Savoia.

Ancora una volta senza mezzi, la bella italiana non si perse d’animo e tentò, spregiudicata come mai, la carta inglese, diventando in men che non si dica l’amante ufficiale di Carlo II Stuart. Non paga di ciò, si legò prima ad Anna Lennard, figlia di lord Castlemaine e poi a Barbara Palmer, causando questa volta però un vero e proprio scandalo pubblico. La sua movimentatissima vita sentimentale (la sua liaison con il principe di Monaco fu la goccia che fece traboccare un vaso già colmo) le alienò l’amore del re, tuttavia il suo legame di sangue con Maria di Modena, appena salita sul trono, le consentì di mantenere il suo status ed i favori della monarchia inglese. Insieme alla famosa sorella Maria e alla principessa Margherita di Francia, Ortensia Mancini viene oggi ricordata anche come una delle prime memorialiste della storia.

  • shares
  • Mail