Per il giornalista Michael Winters, Papa Francesco non voleva prendersela con i gay

Il Papa contro una lobby gay in Vaticano? Secondo Michael Winters non è così...

Papa-Francesco-I

Ricordate le parole di Papa Francesco che vi abbiamo riportato pochi giorni fa? In merito ad una presunta lobby gay, il religioso avrebbe dichiarato:

"È difficile… In Curia c’è gente santa, veramente ci sono persone sante. Ma c’è anche una corrente di corruzione: e anche questo è vero. Si parla della “lobby gay”, ed è verità, c’è… Bisogna vedere cosa possiamo fare…"

Ebbene, sull'argomento è tornato il giornalista Michael Winters, reporter americano, che ha ridimensionato il commento di Papa Bergoglio.

"Il messaggio più importante contenuto nelle parole del Papa sulla lobby gay riguarda la sua determinazione a riformare la Curia e la Chiesa. Non voleva prendersela con gli omosessuali, ma con tutti coloro che si organizzano in gruppi o correnti per influenzare la vita e le scelte del Vaticano"

E le parole del Pontefica sulla lobby gay?

"E' un problema che esiste all’interno del Vaticano. Sappiamo che è là, perché era presente nella famosa relazione dei tre cardinali. Tuttavia non esiste una distinzione ideologica all’interno della Chiesa tra etero e gay. Anzi, semmai è vero il contrario: i prelati omosessuali spesso sono i più conservatori e tradizionalisti, decisamente contrari a qualunque apertura su temi come le unioni gay o la parità dei diritti. Il problema è che alle volte si uniscono in cordate per fare i propri interessi, e questo è inaccettabile al Papa. Francesco vuole riformare la Curia, per liberarla da tutte le lobby e le correnti che le impediscono di operare come dovrebbe. Quindi critica il gruppo dei gay, come criticherebbe qualunque altra formazione interna che punta a condizionare il lavoro del Vaticano"

Via | La Stampa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: