Al Gay Pride 2013 di Palermo, la Idem "non sfilerà vestita di piume"

Ecco la risposta di Josefa Idem alle polemiche nate nei giorni scorsi per la sua partecipazione al Gay Pride 2013

Josefa Idem dice no alle coppie di serie B. Ma non parla di matrimoni gay

Non è nuova la notizia della presenza di Josefa Idem e Laura Boldrini al Gay Pride 2013. Le due donne sono state applaudite e criticate allo stesso tempo. Per il religioso Don Farinella, è un'ottima decisione:

"Fanno benissimo, anche io ci andrei. Il Gay pride è una manifestazione di cittadini come altri, che chiedono diritti ed è fondamentale che il legislatore, di qualunque colore politico, ne tenga conto."

Diversa l'opinione di Gianluigi Gigli, deputato di Scelta Civica:

"Il Gay Pride è una manifestazione che si è sempre distinta per aspetti anche molto volgari, oltre che per offese ad autorità religiose e alla sensibilità di larga parte della popolazione e di molti membri del Parlamento. Letta deve chiarire se il ministro Idem sarò a Palermo a titolo personale o come membro del governo. Se anche, tuttavia, il ministro partecipasse al Gay Pride solo a titolo personale, non è possibile che il presidente del Consiglio non ravvisi la valenza divisiva del gesto, come non esitò a fare in precedenti occasioni con altri membri dell’esecutivo"

Ed ecco, nelle scorse ore, la risposta della Idem:

"Parteciperò ad un convegno in apertura: difendo certi diritti, non sfilerò vestita di piume"

Via | Corriere

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail