Pier Paolo Pasolini a trentaquattro anni dalla morte

Nella notte tra l'1 e il 2 novembre del 1975 sulla spiaggia dell'idroscalo di Ostia Pier Paolo Pasolini veniva ucciso brutalmente. Considerato uno dei maggiori artisti e intellettuali italiani del XX secolo, Pasolini è ancora oggi di un'attualità sconcertante. Ne è prova questo spezzone di una trasmissione della Rai – dal titolo Pasolini e la forma della città – in cui l'intellettuale parla dell'omologazione che la cultura dominante vuole imporre.

Pasolini, in questo video, si trova su una spiaggia. Come nei pressi di una spiaggia è morto. Quasi un voler leggere nelle sue parole contro l'appiattimento culturale un testamento per noi oggi. E un invito a non lasciarsi omologare.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: