Michael Bublè non è gay. Parola di Michael Bublè!


Difficile dare speranze quando un certo gossip lambisce e si fortifica nell'esistenza quotidiana delle persone celebri e celebrate; si finisce sempre per dare verità a quel che verità non è, si finisce per sognare le proprie convinzioni senza neppure infastidire il soggetto e le sue crude verità. Ad alimentare questo turbinio dei desideri sapientemente miscelato tra sogni e realtà è spesso lo stesso protagonista assetato di notorietà e voglioso di far parte di quel corteo rumoroso che riempie i tabloid nati e cresciuti allo scopo.

L'ultimo "sarà o non sarà" sta facendo discutere parecchi forum inglesi e americani che cercano una risposta ad una domanda: Michael Bublè, il "singer" emulo di Frank Sinatra, Fred Astaire e Mel Torme, è gay? No, no, si ripetono quasi a esorcizzare una inutile e improbabile affermazione.

La storia è venuta fuori dopo che l'artista ha rilasciato una intervista al britannico Sun in cui raccontava una storiella tenera e divertente: la sua fidanzata, al primo incontro, era certa fosse gay. I due si erano conosciuti lo scorso anno nel backstage di uno dei concerti dell'artista canadese.

In compagnia di un amico, Luisiana Lopilato, attrice e cantante argentina, è rimasta colpita da Bublè sentendo lo stesso fare qualche bel complimento all'indirizzo dell'amico. Telefonando alla madre, Luisiana, s'è lasciata dire: "Sai, Bublè è gay".
Al giornale britannico, l'artista ha anche rivelato di aver fatto uso, da giovane, di marijuana: "Sono cresciuto a Vancouver, in Canada - ha dichiarato - dove esisteva l'erba migliore del mondo e l'alcol buono".
Non resta che sognarci una versione di Bublè che non esiste. Di certo la sua musica è di gran lunga migliore di qualsiasi altro pettegolezzo che potrebbe appartenergli.
Insomma, per coloro che non lo avessero capito: Bublè non è gay. Per il momento!

Fonte/The Advocate

Foto/dadacas

  • shares
  • Mail