Niente Pride a Gerusalemme

Per l'ennesima volta, gay e lesbiche israeliani si sono visti rifiutare l'autorizzazione a marciare lungo le vie di Gerusalemme per il Gay Pride.

La polizia, infatti, ha escluso la possibilità di garantire la sicurezza dei partecipanti e dunque ha vietato che la manifestazione sia celebrata il 21 settembre.

Gli attivisti delll'associazione Jerusalem Open House, che per due anni hanno tentato di organizzare un World Pride mondiale, hanno già annunciato che scenderanno in piazza per protestare contro i divieti, che - in tempo di cessate il fuoco con i palestinesi e con Hezbollah - sembrano sempre più pretesti.

  • shares
  • Mail