L'Australia sceglie il porno come mezzo di prevenzione contro l'Aids

L'Australia sceglie il porno come mezzo di prevenzione contro l'Aids

In Australia è stata da poco presentata una nuova campagna contro l'AIDS, dal nome "Protection". La particolarità? Scene di sesso esplicito e d'impatto per colpire a fondo il pubblico. In più, l'allarme del virus Hiv è ancora più da tenere in considerazione se, da come sembra, i dati sul contagio sembrano raddoppiare i dati del 2007.

Sono arrivate - come prevedibile - le critiche e i moralismi dettati dalla scelta di queste immagini pubblicitarie indubbiamente molto forti. Ma del resto sono state scelte apposta per essere più efficaci ed attuali. Daniel Reeders, ex coordinatore per la campagna del sesso sicuro, sottolinea:

"La maggior parte delle infezioni di HIV avviene nei primi dodici mesi nei rapporti stabili. C'è bisogno di campagne che coinvolgano i giovani omossessuali in ogni ambito della propria vita. Bisogna ricordare che gli omosessuali guardano un sacco di porno. All'interno dei media queer due ragazzi senza maglietta che fanno sesso non li nota nessuno, sono le stesse tecniche utilizzate dagli altri pubblicitari. Per il Victorian Aids Council sarà anche un'idea rivoluzionaria, ma per la maggior parte dei gay non lo è"

E di sicuro queste immagini sono state notate e l'intento di far parlare è stato raggiunto ampiamento e con successo.

Fonte | Protection

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: