"Gay o bisessuale? No, sono etero curioso"

"Gay o bisessuale? No, sono etero curioso" Non so a voi ma spesso, mentre ero online, mi capitava di conoscere e chattare con persone un po' "strane": da chi mi chiedeva particolari fantasie erotiche fino all'uomo sposato che amava la biancheria intima. Insomma, niente di particolarmente sorprendente dopo un po' che bazzicavi quei canali. Ma una cosa che mi ha sempre colpito è stato chi mi rispondeva: "Io non sono bisex o gay". E solitamente non te lo dicevano dopo un po', ma quasi come prima frase, come parafulmine, mettere le mani avanti, gridare al mondo la propria versione e giustificare la propria presenza nel canale "GayMilano" o "GayItalia". E poi seguiva la chiosa finale: "Io sono etero curioso".

Inizialmente mi scappava un sorriso. Sì vabbè, etero curioso: e allora io sono un "etero friccicarello", una 'lesbica passiva'. Insomma, questa risposta stonava un po' anche perchè erano un po' troppo curiosi: la fantasia era di conoscere un ragazzo, farci sesso e generalmente l'etero curioso era quello passivo; oltre ad aver avuto più partner in 6 mesi del sottoscritto nel corso della sua vita da "gay militante". Si professavano fidanzati, innamorati della propria compagna ma con questo vizietto, questa curiosità da soddisfare. E la cosa che più mi faceva storcere il naso era il fatto che alla 12esima trombata con un ragazzo, 'sta benedetta curiosità ti dovrà pure essere passata?! O sei cosi "affamato di sapere e conoscenza" da volerti fare mezza regione Lombardia?

E sabato sera, Enrico mi ha confermato di aver conosciuto un vero etero curioso.

Era andato a ballare con amici e dopo poche ore in questa discoteca hanno addocchiato questo ragazzo ("Ballava come un boxeur... cioè senza ritmo e sembrava stesse prendendo a pugni l'aria davanti a sè") e l'aria da 'Mi han rubato la merenda e ho le balle in giostra'. Così, si sono presentati e lui dopo poco ha esclamato:

"Io sono etero, ho accompagnato qua un mio amico, ma non sono gay. Sono etero... curioso, tutto qua"

Enrico aveva davanti a sè un esemplare di etero curioso... Così il ragazzo si è unito al gruppo del mio amico e ha passato la serata con loro, mentre il famigerato gay che conosceva non è mai apparso. Tutto procedeva secondo la solita processione ("No no, non ho mai avuto storie e mai fatto niente con nessun uomo") fino a quando Luke, un amico di Enrico, non si è diretto verso il bagno per bisogni impellenti. E lì, l'etero curioso, lontano da sguardi e giudizi, ha trascinato in bagno Luke e si è fatto, diciamo, togliere la curiosità di come è il sesso orale fatto da un gay.

E al termine di ciò, dopo essere uscito, così come è arrivato, l'etero curioso è scomparso, senza salutare, senza null'altro. Ed Enrico ancora insiste sulla cosa: "Ti giuro Dgg, questo era davvero etero... etero curioso!". E me lo sta testimoniando senza nemmeno accompagnare le parole con una prova fotografica dell'esemplare... E voi? Avete mai incontrato un etero curioso online o dal vivo? O lo sei tu stesso, amico lettore?

Foto | MySpace

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: