Mario Venuti: essere gay, traditori, trasgressivi senza scimmiottare gli etero

Mario Venuti: essere gay, traditori, trasgressivi senza scimmiottare gli etero In occasione dell'uscita del suo nuovo album, Recidivo, Mario Venuti rilascia un'intervista, nella sua casa milanese, senza alcun tabù alcuno. A partire dalla sua nuova opera musicale che narra una storia ambivalentre:

"È un quadretto di ordinaria bisessualità, una canzone che non necessariamente parla di me: è una realtà che sento raccontare spesso"

E in merito ad un'intervista rilasciata qualche tempo fa su "Vanity Fair" e per la quale è stato duramente criticato dal movimento Lgbt, Venuti non si giustifica nè cerca di apparire accomodante: nell'articolo in discussione, Mario aveva ammesso di non avere un compagno e di fare spesso incontri occasionali da una botta e via:

"Non ho un compagno, sono infedele di natura. e la dimensione della coppia l'ho sempre vissuta in maniera transitoria. Però non sono stato mai preso in flagranza di reato. E sì, sono un tipo da incontri occasionali, mi capitano spesso! L'ultima cosa che ho fatto è prendere un aereo, andare a Ghana: sono arrivato alla dieci di sera, senza conoscere nessuno e mi sono dato molto da fare...E' stata un'esperienza molto forte..."

Riguardo a queste parole, lui ne parla con assoluta fermezza, senza ritrattare o temere di aver dato un messaggio sbagliato e superficiale, motivo per cui è stato tanto bersagliato:

"Nell'intervista c'era un'ammissione di omosessualità, ma il movimento mi ha criticato perché non avrei dato un'immagine edificante, riproponendo la solita immagine dell'omosessuale trasgressivo. Loro lottano per la questione dei diritti e pensano di dover rendere più edulcorata la questione dell'omosessualità, parlare di coppia, scimmiottare gli etero in questo..."

E chiude il discorso una volta per tutte con un pensiero generale invocando di poter essere quello che si vuole in campo omosessuale e sentimentale:

"Magari non sono così trasgressivo, ma il problema non è questo. Ognuno deve essere libero di gestire la propria sessualità come meglio crede, che sia monogama, poligama, bizzara... basta che sia fra adulti consenzienti"

Foto | Sanremo.Aol

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: