La Serbia potrebbe concedere alcuni diritti alle coppie dello stesso sesso

Sta per essere presentato nel Parlamento serbo un disegno di legge che concede alle coppie dello stesso sesso alcuni diritti.

Gay Pride a Belgrado il 28 settembre 2013?

Il prossimo 4 giugno si presenterà nel Parlamento della Serbia un progetto di legge che, se verrà approvato, concederà alle coppie dello stesso sesso diritti in materia di eredità e di assistenza sanitaria.

Al momento attuale non è noto se la forma giuridica scelta è quella dell’unione civile o della coppia di fatto. Quello che invece è chiaro è che sarà ben distinta dal matrimonio, costituzionalmente definito nel paese come unione tra un uomo e una donna. Per Suzana Paunović, direttrice dell’Ufficio serbo per i Diritti Umani, questa misura è

l’unica soluzione legale possibile per regolare la situazione delle persone dello stesso sesso che convivono

Proprio per i limitati diritti che vengono offerti c’è molta speranza che la norma verrà approvata.

I diritti delle persone lgbt in Serbia


Una manifestazione omofoba per le vie di Belgrado

La situazione delle persone LGBT in Serbia è difficile, soprattutto per l’omofobia sociale spinta da gruppi nazionalisti e ortodossi.

Sul piano legale, nell’ultimo decennio il paese balcanico ha introdotto una legislazione antidiscriminatoria e contro i crimini di odio per motivi di orientamento sessuale: in questo modo la Serbia ha rispettato le condizioni di ingresso nell’Unione Europea (il 2 marzo 2012 la Repubblica di Serbia è diventata ufficialmente candidato per l'adesione all'Unione europea). In occasione della recente Giornata Mondiale contro l’Omofobia e la Transfobia il Governo ha emesso un comunicato nel quale si affermava che “uno dei principali obiettivi dello sviluppo di una società democratica” è la lotta contro “tutte le forme di discriminazione” e l’impegno a proteggere le diversità.

Negli anni 2009, 2011 e 2012 le autorità non hanno permesso la celebrazione del Gay Pride e lo scorso anno il veto del Governo è stato fortemente condannato dalle Nazioni Unite e dall’Unione Europea. Nel 2010, invece, il Pride si è tenuto, anche se ci sono stati gravi incidenti da parte di contromanifestanti omofobia.

Gli attivisti LGBT hanno annunciato di voler convocare il Gay Pride tra il 20 e il 29 settembre 2013, con la sfilata per le vie di Belgrado prevista per il 28 settembre.

Via | Dos Manzanas

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail