Daniel Pinkham, un amore lungo una vita

Daniel Pinkham, uno dei più grandi clavicembalisti del secolo scorso, ebbe una bellissima storia d’amore con l’organista Andrew Paul Holman.

Daniel Pinkham nel 1977

Il momento di svolta nella vita di Daniel Pinkham avvenne nel 1939, quando il giovane compositore assistette ad un concerto dei Trapp Family Singers, fuggiti precipitosamente dalla Germanzia nazista. Una folgorazione che segnò per sempre la vita dell’artista. Così disse almeno lo stesso Pinkham in un’intervista rilasciata al Boston Globe molti anni dopo. Nato in una ricchissima famiglia del Massachusetts, Daniel Pinkham studiò musica ad Harvard, si specializzò in clavicembalo con i più grandi maestri del periodo e subito dopo si dedicò con passione all’insegnamento presso due dei più importanti conservatori dello stato.

Furono anni intensi durante i quali il suo prestigio crebbe a dismisura, le sue composizioni a tema religioso divennero dei veri e propri classici del genere e le sue acclamatissime esibizioni con la Boston Symphony Orchestra entrarono prima nella storia, poi nella leggenda. Accanto a lui, nel bene e nel male, il compagno Andrew Paul Holman, un organista a cui Pinkham rimase legato fino alla morte, avvenuta nel 2006.

  • shares
  • Mail