Matteo Salvini, eurodeputato Lega Nord: sì ai gay nella Lega

Matteo Salvini, eurodeputato Lega Nord: sì ai gay nella LegaMatteo Salvini, deputato europeo della Lega Nord e direttore di Radio Padania Libera, dice la sua sulla presenza dei gay nella Lega. Incalzato dalle domande (a volte un po' troppo scontate) di Klaus Davi, Salvini affronta vari punti sull'argomento gay che, schematicamente, sono i seguenti:


  • Un bacio fra due uomini, fra due donne o fra un uomo e una donna non è un atto osceno, dal mio punto di vista: non turba nessuno e non giustifica alcun atto di violenza.

  • L'esibizionismo del Gay Pride non fa mai bene a nessuno e quello è condannato e condannabile. Sono vicino a chi partecipa moralmente ai Pride e si sente tirato in ballo dalle pagliacciate che, comunque, non giustificano assolutamente la violenza nei confronti dei gay.

  • Sì ai gay nella Lega. Chiunque è benvenuto. Noi non pratichiamo nessuna discriminazione. Fra i milioni di elettori della Lega ci saranno sicuramente parecchi omosessuali e delle lesbiche. A noi non interessa cosa fa un militante nella sua vita privata e che tipo di sessualità pratichi. Il nostro obiettivo è che l'Italia diventi una repubblica federale. Punto. Se poi uno va a dormire con un uomo o una donna questo influisce poco sul Federalismo.

  • Lontanissime dalla Lega sono invece certe rivendicazioni come le unioni gay, le adozioni, il voler essere famiglia portati avanti da certi settori del movimento omosessuale e che nulla hanno a che vedere col nostro programma che invece dà netta priorità alla famiglia tradizionale

Una nota per il discorso sul Pride: Salvini dice di non esserci mai stato e di averlo visto solo in tv. Magari se partecipasse una volta, anche per darci contro, ma almeno per vedere realmente come si svolge non sarebbe una brutta idea. Dopo il salto il video dell'intervista: la parte prettamente gay parte dal minuto 4,35 fino alla fine, anche se prima si parla dell'affaire Boffo-Feltri.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: