Essere gay è più pericoloso che fumare, sostengono alcuni cristiani americani

Riesumando uno studio del 1997, negli USA hanno realizzato un video per insegnare ai bambini che essere gay è molto più pericoloso che fumare.

Una notizia che lascia letteralmente senza parole: un gruppo di cristiani omofobi statunitensi sta diffondendo un video per insegnare ai più piccoli che essere gay è molto più pericoloso che fumare. Nel filmato che vi proponiamo si ascolta, tra l’altro:

Il comportamento omosessuale è fino a tre volte più pericoloso rispetto al fumare. Se non promuoviamo il fumo nelle scuole, perché mai dovremmo farlo con qualcosa che è molto più pericoloso?

Il video si basa su uno studio del 1997 pubblicato sull’International Journal of Epidemiology che prendeva in esame uomini gay e bisessuali che erano sieropositivi e valutava la loro aspettativa di vita. Sono passati sedici anni da quello studio, la ricerca ha fatto passi da gigante ma gli autori del video preferiscono ignorare tutto questo e si affidano a un testo desueto.

La polemica, come ben si capirà, è per il fatto che in diverse scuole si presenta l’omosessualità come una delle possibili declinazioni della sessualità umana. Secondo il gruppo omofobo questo non è vero e, per far passare le loro tesi, prendono spunto da due testi che parlano dell’omosessualità: uno è Daddy’s Roommate (Il compagno di stanza di papà) e l’altro Heather has two Mommies (Heather ha due mamme). Nel video i due titoli diventano: Il compagno di stanza di papà ha un tumore ai polmoni e Heater ha due sigarette. In questo modo le lesbiche diventano tabagiste e i gay malati di tumore. E, in ogni caso, l’omogenitorialità è un male.

Ricordiamo che Gary Glenn, leader dell’Associazione Americana per la Famiglia, si batte fortemente per la punizione dell’omosessualità e porta avanti campagne perché la discriminazione verso il collettivo LGBT non sia punita.

Via | InOut Post

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: